domenica 1 marzo 2015

IL MINIATURISTA Jessie Burton Recensione

Ci sono libri di tutti i generi... i poi ci sono I Libri. 
Quando ho letto la trama di questo romanzo, ho sentito il suo richiamo, forte, inequivocabile. Dopo averlo chiuso, mi rendo conto che libri come questo rimangono indelebili nel nostro immaginario, capaci di spingerci a pensare e ripensare per giorni a quello che abbiamo letto, a ciò che abbiamo trovato e quello che ci può essere sfuggito, tanto è il contenuto. Posso assolutamente dire fin d'ora che sarà uno dei libri letti più belli del 2015. Ancora stento a credere che sia un romanzo d'esordio, perché affacciarsi alla narrativa con una storia come questa è assolutamente incredibile. E' uno di quei romanzi di cui si possono scrivere più opinioni, ogni volta diverse. Jessie Burton ci ricorda che ogni casa ha una porta socchiusa, ogni famiglia i suoi segreti.

BOMPIANI

DAL 26 FEBBRAIO IN LIBRERIA

L'uomo prende per un giocattolo
tutto ciò che vede.

IL MINIATURISTA
Jessie Burton

Traduzione di Elena Malanga
Collana: Narratori Stranieri
Genere: Narrativa
Pagine: 422
Prezzo: 18.00
Ebook: 9.99



Trama

In un giorno d’autunno del 1686, la diciottenne Petronella Oortman − Nella-fra-le-nuvole è il soprannome datole da sua mamma − bussa alla porta di una casa nel quartiere più benestante di Amsterdam. È arrivata dalla campagna con il suo pappagallo Peebo, per iniziare una nuova vita come moglie dell’illustre mercante Johannes Brandt. Ma l’accoglienza è tutt’altra da quella che Nella si attendeva: invece del consorte trova la sua indisponente sorella, Marin Brandt; nella camera di Marin, Nella scopre appassionati messaggi nascosti tra le pagine di libri esotici; e anche quando Johannes torna da uno dei suoi viaggi, evita accuratamente di dormire con Nella, e anche solo di sfiorarla. Anzi, quando Nella gli si avvicina, seduttiva, memore dell’insegnamento della mamma (“Il tuo corpo è la chiave, tesoro mio”), lui la respinge. L’unica attenzione che Johannes riserva a Nella è uno strano dono, la miniatura della loro casa e l’invito ad arredarla.
Sembra una beffa. Eppure Nella, che si sente ospite in casa propria, non si perde d’animo e si rivolge all’unico miniaturista che trova ad Amsterdam. Nella rimane affascinata da questa enigmatica figura che sembra sfuggirle continuamente, anche se tra loro si mantiene un dialogo sempre più fitto, senza parole, ma attraverso piccoli, straordinari manufatti che raccontano i misteri di casa Brandt. Amore e tradimento, rancori e ossessioni, sesso e sete di ricchezza s’incontrano tra i canali di Amsterdam e in questo folgorante romanzo d’esordio di Jessie Burton, in testa alle classifiche di vendita inglesi e in corso di traduzione in oltre 35 paesi.


Opinione di foschia75

NON C'E' NIENTE DI NASCOSTO
CHE NON SARA' RIVELATO.

Come dico spesso, ogni libro è un viaggio, sta a noi lettori decidere la destinazione e l'intensità delle emozioni che vorremmo conservare nel nostro immaginario. Quanto più un libro è bello, tanto più è per me difficile riuscire a descriverne il contenuto. Non riesco a credere che questo sia un romanzo d'esordio, come è possibile continuo a chiedermi. Come si può rapire il lettore, riuscendo a fargli percepire la penombra di una stanza, l'olezzo delle aringhe, il freddo pungente delle strade spazzate dal vento invernale, con uno stile che non lascia spazio a distrazioni, che spinge il lettore a non smettere di leggere se non all'epilogo. Uscire da libri come questo ha delle conseguenze, perché trovare qualcosa di altrettanto intenso è difficile. Un colpo di scena dietro l'altro, non danno il tempo al lettore di riprendere fiato. Non c'è modo di prevedere ciò che succederà, come cambieranno gli eventi perché l'intreccio è talmente magistrale da non presentare la minima sbavatura. Sono vittima dell'intensità della vicenda, del profilo di ogni singolo personaggio, di ciò che l'epoca imponeva a uomini e donne. La forte presenza della legge, il timore di Dio, i pregiudizi e i tanti tabu del tempo, fanno di questa storia un quadro dai colori cupamente sanguigni, ma con una variabilità di sfumature che colpiscono senza riserve il lettore.
Petronella ha contratto un matrimonio di convenienza, deciso dalla madre e dal suo sposo (siamo nel 1686). Per sfuggire alla fame e alla miseria una donna era destinata ad andare incontro a qualsiasi destino, anche quello di scoprire che il proprio matrimonio altro non è che una gabbia nella quale, in tanti, si sta davvero troppo stretti. Molto presto si renderà conto che forse, la fame e la miseria, potrebbero essere compagnia migliore di quella che giorno dopo giorno, comincerà a profilarsi nel suo strettissimo orizzonte, come la sua nuova famiglia. I Brandt, facoltosa famiglia di mercanti, che hanno fatto fortuna con il commercio da e verso le Indie. Jhoannes, suo marito è un uomo taciturno e sfuggente che ha fatto del lavoro una delle sue ragioni di vita, ma che nasconde non pochi segreti. Marin, la cognata che non ha mai contratto matrimonio e vorrebbe esercitare il suo ruolo come padrona di casa nella dimora del fratello. Cornelia, la domestica orfana raccolta dalla strada e accolta in seno alla famiglia, una ragazza che ama inventare storie dopo una sana e innocente origliata. Otto, il nero importato dal padrone di casa durante un viaggio. Intorno agli abitanti della casa, ruoteranno le vite di personaggi secondari ma fondamentali nel complesso intreccio della vicenda.
L'iniziale smarrimento e sgomento della protagonista che tutti chiamano Nella, si riverbera sul lettore con una vividezza disarmante. Giovane e ignara, dovrà fare presto i conti con il mutevole e misterioso atteggiamento dei suoi nuovi parenti, all'inizio insicura e impacciata, per poi prendere in mano le redini della famiglia, quando questa comincerà a sgretolarsi senza pietà. 
Segreti, avidità, invidia, morbosità, peccati e inquietudine sono gli ingredienti fondamentali di questo magistrale romanzo. Sullo sfondo, una Amsterdam pulsante e bigotta, abile nel barattare Dio con i fiorini. 
Fino a dove può spingersi l'avidità e l'invidia di una persona, quanto tempo può ardere sotto la cenere, prima di riemergere più deleteria che mai?  Anche decenni, direbbe Nella.
Il fulcro del romanzo è uno stipetto, la loro casa in miniatura, regalo di nozze di Jhoannes per Nella, per tenerla impegnata durante le sue assenze "per lavoro". Le consiglia di rivolgersi a un miniaturista per arredarla. Nella segue il consiglio del marito, più per cercare di non pensare a quello che succede in quella casa che per far contento il marito. Sarà l'arrivo dei vari pezzi in miniatura, che tassello dopo tassello, renderanno la vita di Petronella fin troppo affollata, di segreti e scandali. Quelle pregevoli miniature nascondono un'inquietante verità, in essi è contenuta l'essenza stessa della famiglia Brandt e di chi le vive accanto. Ogni singolo oggetto, o personaggio che troverà posto nella casa in miniatura, custodisce un segreto, e quando Nella si renderà conto di quanto quegli oggetti inanimati siano legati al presente e al futuro, sarà troppo tardi, il destino avrà iniziato a fare il suo inesorabile corso. 
Quanti silenzi, quanti sussurri dietro le porte, quanti segreti inconfessabili e pericolosi, destinati a segnare la vita di tutti dentro la casa. 
Petronella giunge ingenua ragazza di campagna, diventa abile padrona di casa per necessità. Quella moglie giovane e inesperta, si rivelerà la donna più forte e caparbia della famiglia. Quanti segreti può sopportare una persona senza pagarne il prezzo?
Le figure femminili di questo romanzo sono qualcosa di veramente unico, indelebile. Donne molto diverse tra loro, accomunate dalla disperata ricerca dell'amore, così effimero eppur così essenziale.
La figura della donna in quell'epoca, la scarsa considerazione a tutti i livelli, la relegano a padrona del solo focolare. Sarà proprio la cognata Marin ad abbattere certi tabu fino ad allora invalicabili, materialmente e moralmente. Tre donne, tre caratteri diversi, tre sogni diversi che l'autrice ha magistralmente svelato a poco a poco e mai fino a farcele conoscere totalmente. Ho adorato il suo modo di presentare i personaggi, quel velo di mistero posato sulle loro più intime insicurezze.
Ho vissuto dentro questo romanzo, come una bambola dentro lo stipetto di Nella, spostandomi da una stanza all'altra, assorbendo i colori, i rumori e gli odori delle routine quotidiana di questa famiglia che farà fatica a sbiadire, impressa nel mio immaginario come i più sanguigni colori di una antica e inesplicabile tela. Mi è rimasta quella piacevole e languida sensazione di non aver afferrato tutto, di aver fatto scivolare tra le maglie dell'immaginazione, qualcosa di fondamentale. Non me ne rammarico, perché sarà certamente motivo di rilettura di un libro che spero diventi un film, tanta è la sua vividezza!
Vi sarete resi conto che non ho parlato del Miniaturista, figura onnipresente eppur eterea della storia. L'ho fatto per rispetto verso chi leggerà il romanzo, perché questa figura è stata per me una metafora, e parlarne avrebbe svelato molte cose che vorrei tener celate, per non rovinare la curiosità.
Ho scelto di non parlare di altri personaggi chiave di questa intensa storia, per non svelare troppo, per lasciare la pruriginosa curiosità in chi deciderà di leggerlo. Io ho solo cercato di scalfirne la superficie...ma c'è molto, molto di più.
Un libro sublime che consiglio a chi veramente voglia perdersi tra le maglie dei sentimenti e delle sensazioni più forti, quelle che urlano dentro il cuore di ognuno di noi. Una storia che lascerà un riverbero difficile da attenuare.



La casa delle bambole esposta al Risijksmuseum di Amsterdam. Non erano giocattoli, ma mobili che riproducevano fedelmente gli interni delle case dei ricchi borghesi; erano collocati nei salotti, così gli ospiti potevano comodamente apprezzare la bellezza della casa.








A questo link, potete ammirare da vicino gli interni della casa a cui si è ispirata l'autrice:



L'autrice



Jessie Burton ha studiato all'Università di Oxford e alla Central School of Speech and Drama, dove ha interpretato ruoli in classici del teatro come Othello e Macbeth. Il miniaturista è il suo primo romanzo, scritto quasi di nascosto tra una recitazione e l'altra.


Qui sotto un'intervista della BBC all'autrice.
(per chi afferra l'inglese)






Ringrazio davvero di cuore la Bompiani e la Sig.ra Sciolla per avermi fatto un dono prezioso: il libro e tutto il potere che contiene.

sabato 28 febbraio 2015

LE NOTE DELLA PASSIONE - MI CERCHERAI C.D. Reiss Recensione

Soddisfatta. Ecco come mi sento in questo momento. Sono felice di constatare che il mio giudizio iniziale relativo alla serie Le note della passione ha subito un’importante virata in senso positivo e tutto grazie a Mi cercherai, secondo volume della trilogia. Infatti se nel primo libro la mancanza di colpi di scena e l’abbondanza di luoghi comuni non ha fatto altro che assopire il mio interesse, in Mi cercherai ho visto e percepito la scintilla che gradualmente ha riacceso il fuoco, facendolo diventare sempre più intenso, dilagante. Per l’ennesima volta mi vien da dire che non bisogna mai fermarsi all'apparenza, traendo giudizi affrettati.  
Che dire? Forse la curiosità che mi ha spinto ad iniziare la lettura di una nuova trilogia erotica questa volta è stata ben ricompensata……



LE NOTE DELLA PASSIONE – MI CERCHERAI

C. D. Reiss





Traduzione a cura di Roberta Zuppet
Casa editrice: Sperling & Kupfer
Genere: Romanzo erotico
Pagine: 266
Prezzo: 14.90 €
Ebook: 7.99 €




Trama


Lei è giovane e piena di sogni, lui ricco e affascinante. Sembrava una storia già scritta, prevedibile. Ma il destino non aveva fatto i conti con il carattere forte e determinato di Monica. Se infatti, dopo le prime resistenze, lei ha accettato Jonathan come dominatore, è anche vero che le regole di quel gioco valgono soltanto tra le lenzuola. Perché nella vita quotidiana Monica ha un solo padrone: se stessa. E non ha intenzione di cedere il controllo della sua vita a qualcun altro né di rinunciare al sogno di sfondare nel mondo della musica. Eppure, in questo eccitante braccio di ferro, Monica ha scoperto aspetti di sé che non conosceva: Jonathan sa cosa vuole ancora prima che lei stessa se ne renda conto e si tiri indietro. Con lui si sente libera, ma non nel modo in cui gli altri potrebbero pensare. Quando gli è accanto, supera ogni controllo, ogni emozione, ogni limite. Dimentica qualsiasi inibizione lasciando emergere le sue paure, le fragilità più intime, debolezze di cui ha sempre negato l'esistenza. Il passato e il presente di entrambi riservano però ostacoli che potrebbero compromettere il loro futuro insieme. Monica è pronta a lottare, ma questa volta la determinazione potrebbe non bastare… 

Opinione di Sybil


Se in Mi vorrai (recensione QUI), primo libro della serie Le note della passione, la trama non mi aveva del tutto convinta, in quanto sembrava essere la solita storia del bel milionario alla prese con la conquista del mondo, devo dire che in Mi cercherai ho trovato un’evoluzione davvero interessante. Nonostante i contenuti siano pressoché gli stessi, quello che più mi ha colpita è stato l’incessante susseguirsi di eventi che non ha mai fatto crollare ne la concentrazione ne la curiosità, mantenendo sempre alta la tensione, vivo l’interesse Voglio essere sincera, inizialmente, appena terminato il primo volume, ero indecisa se continuare oppure no con la lettura della trilogia. Poi ho deciso di proseguire e…. meno male! Dico così perché se mi fossi fermata all’apparenza, sicuramente mi sarei preclusa la possibilità di vedere l’evolversi di questa storia.
Negli atti conclusivi di Mi vorrai ci siamo lasciati con Monica e Jonathan intenti a tenere in piedi la loro fragile relazione. Troppi guai, troppe complicazioni, solo una via d’uscita: separasi. Ma i due amanti non sono per nulla convinti di voler rinunciare alla loro controversa attrazione, tanto che decidono di provarci nonostante ogni cosa giochi a loro sfavore. 
In Mi cercherai  Monica si trova a combattere una guerra interiore devastante, è confusa, non sa cosa vuole e teme di non riuscire a gestire la sua relazione con Jonathan. Se in un primo momento si sentiva attratta e allo stesso tempo spaventata dai gusti di Jonathan tra le lenzuola, adesso non sa come rapportarli alla sua vita reale. Essere una sottomessa nell’intimità non significa per forza continuare ad esserlo anche fuori dalle mura della camera da letto, ma chi conosce Jonathan e le sue “predilezioni” finisce inevitabilmente per aggiungere anche lei alla lunga lista di donne amanti delle pratiche estreme. E questo in materia lavorativa la espone a dei disordini che tendono ad incrinare la sua immagine e di conseguenza la sua carriera. Dal canto suo Jonathan si trova ugualmente spiazzato, in quanto sente nascere nel profondo del suo cuore un sentimento nuovo, inconsueto per un uomo ferito e deluso dall’amore. Infatti, da quando la moglie lo ha lasciato per un altro uomo, nessuna donna è più riuscita a fargli provare qualcosa che andasse oltre la lussuria e la perversione. Con Monica tutto è diverso. Nonostante non sia il tipo di ragazza bisognosa di protezione e di cure particolari, lui si sente costantemente responsabile della sua incolumità e cosa ancor più strana, della sua felicità. Per la prima volta da molto tempo desidera vedere una donna felice. Tutto ciò lo distrugge e per quanto non voglia dare ascolto al suo cuore, che invano tenta di inviargli messaggi in codice, si accorge che qualcosa dentro di lui sta cambiando. Si rende conto che vuole da Monica molto più del suo corpo, della sua sottomissione. La vuole tutta, il pacchetto completo. Il problema è che Monica da forte e determinata sta diventando fragile ed insicura. La relazione con il ricco milionario l’ha destabilizzata, spaventata e in più l’arrivo anche di una minaccia da parte di una persona sconosciuta, che la sta spiando per motivi ancora ignoti, fa crollare ogni sua più piccola certezza. Sa di amare profondamente Jonathan, è consapevole di non riuscire più a vivere nemmeno un secondo senza di lui, ma vede nella fuga la sua unica via d’uscita. Soprattutto perché è convinta che il cuore dell’uomo che ama sia ancora nelle mani della sua ex moglie. Non sa che l’uomo in questione sta combattendo con il suo ego per lasciarsi andare ad una nuova possibilità e che farebbe tutto ciò che è in suo potere per non separarsi mai più da lei….

Mi cercherai mi ha convinta. Molto di più rispetto a Mi vorrai, in quanto sia la trama, sia i personaggi hanno ottenuto maggior spessore. Se nel primo libro l’unico ad avermi convinta era stato Jonathan, adesso posso dire che il quadro si è completato. Monica continua a mandarmi in confusione, anche se capisco molte delle sue paure, ma nonostante ciò sono riuscita ad intrufolarmi tra i meccanismi che regolano le sue azioni, apprezzando la sua voglia di libertà, il suo desiderio di inseguire i sogni e la fragilità imposta dal suo unico punto debole: Jonathan. Per quanto lo riguarda posso dire che nonostante nel primo libro sembrava non possedere le peculiarità tipiche di tutti milionari protagonisti dei romance erotici degli ultimi tempi ( e questa secondo me è la sua caratteristica più bella!), in Mi cercherai inizia a presentare i sintomi più comuni tra tutti i suoi “colleghi” ovvero: mania del controllo, senso di possesso, ossessioni. Questo in realtà avrebbe dovuto deviare un po’ la mia simpatia nei suoi riguardi perché diciamocelo, in fondo siamo tutte stanche di questi luoghi comuni. Invece no, mi è successo proprio il contrario! Anche se le sue particolarità principali sono sempre più o meno simili a quelle dei suoi amici milionari-predatori, il suo fascino, la sua concretezza, le sue fragilità hanno giocato un ruolo decisivo. Soprattutto perché in questo libro avremo modo di leggere la storia anche dal suo punto di vista e questo ci permetterà non solo di conoscerlo più a fondo, ma anche di scoprire nessi e avvenimenti decisivi della sua vita passata, che hanno contribuito a farlo diventare l’uomo che adesso è.
In conclusione, a tutte quelle che come me alla fine del primo romanzo della serie si sono sentite leggermente scoraggiate, consiglio di non fermarsi all’apparenza e di proseguire nella lettura perché sia Jonathan che Monica hanno qualcosa di interessante da raccontare, lasciando però celati gran parte dei misteri che aleggiano sopra la loro relazione e soprattutto intorno alla vita di Jonathan.
Non ci resta che avventurarci tra le pagine dell’ultimo libro  per vedere cosa succederà…





L'autrice






C.D. REISS, nata a New York, si è laureata in sceneggiatura a Los Angeles, in California, dove vive tuttora. Ha raggiunto il successo grazie alla serie di romanzi erotici Le note della passione, autopubblicata e diventata presto bestseller di USA Today e Amazon.


Il nome originale della serie è Songs of submissiom. In Italia Sperling&Kupfer ha deciso di farne una trilogia, raggruppando tutte le sue parti in tre tomi.

Songs of submission:

Beg
Tease
Sing
Submit
Control
Burn
Resist
Rachel
Monica
Dominance


La serie completa:

Mi vorrai ( recensione QUI)
Mi cercherai
Mi avrai 


venerdì 27 febbraio 2015

GALA COX Il mistero dei viaggi nel tempo Raffaella Fenoglio Doppia Recensione

Per parlare di questo romanzo italianissimo, ho voluto invitare una cara amica e promettente autrice fantasy self, perché ha apprezzato moltissimo questo romanzo, e poiché il fantasy è il suo "regno", penso possa raccontare meglio di me, il contenuto di Gala Cox e il mistero dei viaggi nel tempo. Una storia originale, ambientata tra l'Italia di oggi e la Londra di Jack The Ripper (come non rimanerne ammaliati?), una intensa caratterizzazione dei personaggi di oggi e la ricostruzioni degli usi e costumi della Londra Vittoriana. L'accostamento tra la noiosa vita da liceale e le rocambolesche avventure londinesi, danno assolutamente grip a questa intensa storia dove, oltre ai movimentati viaggi nel passato, assisteremo alla crescita personale di una ragazza davvero coraggiosa, ignara della sua vera essenza. Tra spiriti guida, assassini e personaggi poco raccomandabili, Gala Cox imparerà ad avere fiducia in se stessa e accettare il suo nuovo potere. 

Fanucci Editore

La storia di un’adolescente quasi normale, 
che tra appassionanti viaggi nel tempo e dialoghi con gli spiriti, 
diventa una riflessione sulla vita e su cosa ci attende nel nostro futuro.


GALA COX
Il mistero dei viaggi nel tempo
Raffaella Fenoglio

Editore: Fanucci
Collana: Narrativa
Genere: Fantasy Time Travel
Pagine: 496
Prezzo:  14.90
Ebook: 4.99



Trama

Gala Cox Gloucestershire ha quindici anni e frequenta il liceo artistico. Ha un carattere indeciso, un’intelligenza fuori dal comune e la passione per le materie tecniche. E non sta affrontando un bel momento: ha appena perso la sua migliore amica, Nadia, in un terribile incidente dai risvolti misteriosi e il suo amatissimo papà se n’è andato di casa senza una ragione apparente.
Ora Gala vive con la mamma Orietta, medium scostante e autoritaria, e alcuni spiriti vaganti tra i quali l’indiano Matunaaga e la monaca benedettina Ildegarda di Bingen. 
Gala crede di sapere tutto sull’aldilà, fino a quando non inizia a frugare nello studio del padre alla ricerca di una traccia che le permetta di ritrovarlo. Qui, una scoperta casuale le aprirà le porte di un mondo prima sconosciuto, catapultandola in una realtà parallela e pericolosa. 
In un graduale e inesorabile susseguirsi di avvenimenti e scoperte, Gala vedrà crollare le proprie certezze una ad una. L’amore per le persone a lei care la spingerà a intraprendere una lotta che la renderà una ragazza più forte, molto più di quanto abbia mai potuto immaginare.


LA PAROLA ALLA NOSTRA AMICA
ANGELA C. RYAN
Autrice de Il principe e la Neve

Gala Cox è una studentessa quattordicenne di un liceo artistico. Apparentemente è come tanti altri ragazzi della sua età, ma in realtà nasconde un’originale tendenza all’eccentricità. Tratti probabilmente ereditati dai genitori. Così giovane, deve affrontare l’ineluttabilità di eventi come la perdita di persone a lei molto care, prima la morte della migliore amica, Nadia, la cui vita è stata stroncata da un incidente dalle caratteristiche piuttosto misteriose, poi la scomparsa del padre, misteriosamente svanito da un giorno all’altro. Scomparsa, è bene sottolineare, della quale si ritiene responsabile.
Gala trascorre la sua vita in un ambiente insolito: divide la sua esistenza con la madre, una donna all’apparenza disinteressata ai bisogni della figlia, che svolge la curiosa attività di medium. Oltre alla madre, a condividere le giornate con la nostra eroina, troviamo due eccentrici spiriti che girovagano indisturbati per casa: Matunaaga, l’indiano/tata sempre pronto a dare saggi consigli, Ildegarda di Bingen, una monaca di poche parole, solitamente molto dure, e Dennis Franti, il compagno di scuola che tutti avremmo voluto avere almeno una volta nella carriera scolastica.
Gala è abituata alle stranezze, non sembra farci caso, se non fosse che, un giorno, le accade qualcosa di immensamente più grande e inesorabilmente più strano. Una ragazza, Edvige, le appare davanti agli occhi comparsa dal nulla e, attraverso un salto temporale, trascina Gala nella Londra vittoriana. È un viaggio inaspettato che costringerà Gala a mettere in discussione tutte le sue certezze e a combattere per le persone a cui tiene di più. Eventi bizzarri, vicissitudini impreviste, curiosi personaggi, coloreranno il viaggio di Gala e anche quello del lettore, che si ritroverà a camminare al fianco della protagonista, accompagnandola lungo un fiume di colpi di scena che lasceranno sbalorditi, il più delle volte.
Raffaella Fenoglio, la fantasiosa autrice di questo incredibile romanzo, ci invita nel suo mondo con delicatezza, ironia e quel tocco di magia, che, secondo il mio modesto parere, non guasta mai. A “bordo” delle pagine di Gala Cox, ci fa intraprendere un viaggio nello spazio e nel tempo con un’originalità fuori dal comune. Ogni vicenda è scandita da una scrittura scorrevole, musicale, mai scontata, cadenzata da un ritmo stilistico serrato, che dà un’impronta – passatemi il termine – rock, a tutto il romanzo. Parliamo di 485 pagine e nessuna di esse, dico, nessuna, mi ha mai fatto sbadigliare o desiderare di interrompere il libro.
Proprio come una canzone rock che non puoi smettere di ballare, Gala Cox – Il mistero dei viaggi nel tempo, non si può smettere di leggere. Mi sono costretta ad andarci piano, a centellinare la lettura per non giungere troppo spedita alla fine e tornare nella mia realtà, lasciandomi dietro la Londra vittoriana, Gala, le sue elucubrazioni e il suo ingegno, tutti i suoi amici e persino i suoi nemici, villains che farebbero impallidire Jack lo squartatore. Leggendo, scoprirete che ognuno dei personaggi del libro, è descritto in modo che risulti fondamentale ai fini dello scorrimento della trama.
Gala Cox – Il mistero dei viaggi nel tempo, è un fantasy spruzzato di steampunk e lo si può chiaramente notare in alcuni elementi della storia come una curiosa, quanto mai originale, macchina del tempo, che la protagonista, attraverso svariate peripezie, cerca di far funzionare per recuperare qualcosa, o “qualcuno”, a lei molto caro. 
Il segreto di questo libro e del perché mi ha conquistata così tanto, sta nel fatto che l’autrice è riuscita a dosare magistralmente elementi del Fantasy, con elementi enigmatici tipici di racconti del mistero. Un connubio magico e sorprendentemente trascinante. La serie di eventi che si susseguono è legata perfettamente. Non risultano mai buchi nella trama e non compaiono forzature nella storia. Tutto scorre senza quelli che io chiamo “strappi” (come la sensazione di pagine mancanti).
Inutile dirvi che, il risultato di questa mia entusiastica opinione, è solo merito di un libro che mi piace definire “oltre il semplice fantasy”. Raffaella Fenoglio mi ha regalato un incredibile viaggio, che avrò il piacere di ripetere ogniqualvolta vorrò, sfogliando nuovamente le pagine di Gala Cox – Il mistero dei viaggi nel tempo.


Dopo la splendida e sentita opinione di Angela (che ringrazio per il suo affetto, gentilezza,  e la bellissima amicizia nata grazie alla lettura) , non posso che sentirmi inadatta, complice il fatto che non avevo mai letto un Time Travel e forse non sono all'altezza di parlarne.


Opinione di foschia75


Mettiamo subito in chiaro che nonostante la bellissima cover con ingranaggi, non siamo davanti a uno Steampunk, ma a un romanzo di viaggi nel tempo, che con il genere ha in comune solo la Londra Vittoriana. Superato il dubbio, in questa storia ci sono tante belle scoperte da fare, come gli affetti perduti, la famiglia, quel senso di calore e protezione che questa può dare a un'adolescente in piena crisi d'identità; l'amicizia e la scoperta di un acerbo sentimento destinato a crescere; la scoperta di se e del proprio posto nel mondo; la fiducia in se stessi e nelle ancora sconosciute capacità personali. Se non bastasse, mettiamoci anche quel velo di soprannaturale che rende tridimensionale la trama. Impareremo a conoscere le capacità degli Usquead e degli Infinitum, la curiosità pericolosa di due ragazzini attratti dall'ignoto e dalle invenzioni capaci di collegare spazio-temporalmente epoche assai lontane. 
Gala Cox Gloucestershire, già il nome per esteso ci fa capire che non è una liceale qualunque, ma ha un signor albero genealogico a precederla, che la rende certamente una ragazza fuori dal comune, anche se lei cerca in tutti i modi di passare per un'adolescente annoiata e dal basso profilo. Ben presto la situazione familiare la spingerà a farsi domande sempre più pressanti sulla scomparsa improvvisa del padre e lo strano atteggiamento della madre, per non parlare delle due "esimie" entità che popolano la loro dimora. 
Gala vorrebbe essere una ragazza qualunque, con una vita qualunque e un futuro qualunque, che magari contempli buoni voti a scuola e perchè no un primo tiepido amore. Tutte caratteristiche dell'adolescente che crede di essere. Purtroppo verrà scaraventata nel 1889 senza poter dire la sua. Il suo inaspettato arrivo in un'epoca così diversa dalla sua, la riporterà indietro anche nel suo più vicino passato, perchè ritroverà anche se leggermente diversa da come la ricorda, la sua migliore amica, morta pochi anni prima. Dopo il primo "doloroso" ricordo, Gala verrà risucchiata in una situazione più grande di lei che non è proprio pronta ad affrontare. Per fortuna avrà al suo fianco il fedelissimo e pazientissimo Matunaaga che piano piano l'aiuterà a capire, a comprendere perchè abbia il potere di viaggiare nel tempo. 
Tornerà due volte nella Londra di Jack lo squartatore, prima da sola e poi con il suo strambo compagno di scuola Dennis Franti. Il secondo viaggio a Londra, sarà molto più movimentato del primo, e nelle ultime settanta pagine, oltre a rischiare la vita, Gala sarà costretta a risolvere un mistero e scoprire l'identità di chi attenta alla vita della sua migliore amica. 
La parte mistery ambientata a Londra mi ha assorbito senza via di scampo, le descrizioni, la follia omicida, la scoperta della verità, e di ciò che lei è veramente.
Attraverso le sue scoperte meccaniche e non, Gala imparerà ad accettarsi per quello che è, per l'eredità che la sua nascita le impone. Dovrà crescere molto in fretta, ma con gli amici che ha intorno, non sarà così difficile, perchè essere circondata da persone che ti amano e credono in te e nelle tue capacità, è la ricetta fondamentale per maturare e accettarsi.
Un romanzo originale, intenso (anche se forse nella prima parte c'è qualche passaggio che rallenta la lettura), i cui molteplici messaggi fanno riflettere sull'importanza e il potere degli affetti, dell'amore di un figlio per i propri genitori, per quelle sensazioni che un sentimento in crescita come il primo amore, può regalare, per la sete di conoscenza che ci spinge a non smettere mai di cercare.



L'autrice



Raffaella Fenoglio vive e lavora a Vallebona, paesino nell’entroterra di Bordighera, nell’estremo ponente della Riviera Ligure, con il marito, il figlio e il cane. Nasce nel 1966 a Sanremo e dopo le scuole dell’obbligo frequenta l’Istituto Tecnico per Ragionieri “E.Fermi” a Ventimiglia.
Lavora dal 1994 presso un commercialista a Sanremo. Nel 1995 supera l’esame di Stato come Consulente del Lavoro. Nel 2003, alla tenera età di 37 anni, si iscrive alla Facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Genova, sede distaccata di Imperia, e nel 2006 consegue la laurea triennale con votazione 90/110. Si iscrive presso lo stesso ateneo alla Laurea Specialistica di Economia “Europea, Internazionale e Trasfrontaliera” e nel 2009 ne ha discusso la tesi finale con la votazione di 104/110. Nel 2010, si è iscritta alla Facoltà di Lettere e Filosofia, corso di laurea DAMS ad indirizzo teatro.


Ringrazio di cuore Raffaella per la sua estrema fiducia, per l'originale romanzo letto e da lei regalatomi (spero di incontrarla presto, per farmelo autografare!).
Ringrazio di cuore Angela, amica magistrale autrice self fantasy, per aver accolto con entusiasmo il mio invito a rendere giustizia a un romanzo appartenente al suo genere preferito. 

LA DAMA MISTERIOSA Laura Gay Recensione

Fin dalle prime pagine si capisce che Laura Gay non è alle prime armi come scrittrice, che di romance storici ne ha letti molti,  e che con La dama misteriosa  ha voluto  darne una versione personale particolarmente audace e grintosa, d' effetto e assai godibile.


LA DAMA MISTERIOSA
LAURA GAY 




editore: self publishing
genere: rtomance storico/ erotico
pagine: 177
prezzo: € 2,99

La Trama:

Londra, 1805. Sir Jonathan Drake, baronetto impiegato presso i servizi segreti britannici, ha sempre rifuggito l’amore. Ma quando incrocia lo sguardo di una misteriosa e seducente dama con un abito provocante, in un palco all’Opera, se ne invaghisce all’istante.
Quella donna lo affascina e lo turba nel profondo; non ha riconosciuto in lei l’insignificante creatura che ha sposato dieci anni prima e poi dimenticato, relegandola nella sua dimora di campagna.
Ora quella fanciulla timida e impaurita si è trasformata in una donna ammaliante e sensuale, pronta a riprendersi ciò che lui le ha negato. E tutto a un tratto, Drake non desidera altro che prenderla fra le braccia e amarla appassionatamente. Ma le umiliazioni da lei subite, in tutti quegli anni di solitudine, non sono così facili da dimenticare e lui dovrà lottare assiduamente per riconquistarla. Anche se per farlo dovrà mettere a rischio il proprio cuore. 

Opinione di Charlotte

Questo romanzo che si divora con sorprendente avidità è  innanzitutto pura piacevole evasione. Non troverete pertanto la ricostruzione  meticolosa  e fedele al dato storico   mirata a offrire lo spaccato di un’ epoca , quanto piuttosto  un’  ambientazione fuori dal nostro tempo ed estranea  al nostro modo di concepire le dinamiche di coppia e la libertà individuale:   un palcoscenico adatto alla rappresentazione di una commedia degli equivoci intrisa di sentimenti e incentrata su  impedimenti romantici. Ideale cornice per amori scritti nel destino che  sfidano ostacoli di dubbio valore oggigiorno,  quali le convenienze sociali, gli interessi nobiliari, la salvaguardia della reputazione  .
A livello di sceneggiatura, il romanzo rimanda alle pieces teatrali: pochi personaggi, scenografie ben definite con valorizzazione degli interni lussuosi e delle stoffe preziose,  interrelazioni intime e dialoghi frequenti. I  personaggi sono deliziosamente anacronistici e anticonvenzionali: in particolare, quelli femminili sono molto moderni per determinazione , dignità e spirito di ribellione, suscitando empatia nelle lettrici, mentre di quelli maschili vengono esibiti anche vizi, debolezze e fatui privilegi che rendono il “ chi la fa l’ aspetti” raccontato nel romanzo molto soddisfacente.
Julia inizialmente è dolcissima e remissiva:  ma di fronte alla crudeltà gratuita di un marito tanto affascinante quanto insensibile,  superficiale  e libertino, grazie a Laura Gay sfodera artigli e spregiudicatezza restituendo pan per focaccia a colui che l’ ha umiliata .  Le  apparenti disinibizione e sfacciataggine della giovane, frutto di un’ abile e studiata messinscena e abbinate al candore della sua innocenza, ammaliano Sir Jonathan Drake che non riconosce in lei la moglie abbandonata e dimenticata un decennio prima dopo la prima fallimentare  notte di nozze : e così per buona parte del libro costui fa la parte dell’ allocco che sospira e brama qualcosa che non aveva saputo cogliere, dando corpo alla rivincita di una donna che stavolta desidera avere l’ultima parola.
Ovviamente la sofferenza di Sir Drake non potrà essere infinita e la confusione e il desiderio della sua sposa alla lunga vinceranno sulla paura e il risentimento: si potrà obiettare che  nella vita reale questo difficilmente  accade, ma  per i protagonisti dei romances è possibile ricostruire " da zero e senza incrinature"  qualcosa che sembra spezzato per sempre,riuscire a perdonare e a venerare  qualcuno che si è tanto odiato , cambiare per amore, smettere di recitare un ruolo sociale  e far sgorgare le proprie emozioni  dal cuore. E così sarà per Julia e Jonathan, nonché per la seconda coppia protagonista della storia,  apparentemente male assortita e destinata a non avere futuro, ma   in realtà così affiatata suo malgrado da riservare molte sorprese al lettore.
In La dama misteriosa la componente erotica è raccontata senza falsi pudori,  molto presente e imprescindibile dallo sviluppo del racconto: essendo stettamente legata  a complicità  e tenerezza,  diventa   parte integrante ed essenziale  della storia d' amore  e non "siparietto forzato" del rapporto di coppia né sesso a profusione senza senso. 
In conclusione, siamo di fronte a un libro che non è verità ma fiaba, e che io assimilerei  a un vassoio di pasticcini invitanti, colorati, di che quelli che si inizia con l' assaggiare per curiosità, finendo con il ripulirne le briciole con gusto: tanto è abile Laura Gay  a tenere desta l’ attenzione a suon colpi di scena, repentini mutamenti di situazioni, interludi passionali,  che portano il lettore a chiudere La dama misteriosa  solo alla fine dei giochi. Magari  con la consapevolezza che per golosità  ne avrebbe letta ancora qualche pagina!

L' Autrice



Laura Gay nasce a Genova dove tuttora vive, insieme al marito. Ama i libri, il cinema, la musica e gli animali, specialmente i gatti. Scrive da quando era bambina perché solo attraverso la scrittura riesce a esprimere se stessa e a volare con la fantasia. Un suo racconto dal titolo Ventunesimo piano è apparso sul numero 5 della rivista Romance Magazine e un altro, dal titolo Il risveglio del Crociato, è stato inserito nell’antologia 365 storie d’amore, edita da Delos Books. Con i racconti Il risveglio dei sensi e Resta con me si è qualificata tra i finalisti nelle rispettive rassegne Rosso fuoco e Senza fiato, sul blog La mia biblioteca romantica, mentre con Bad boy si è distinta in Christmas in love 2013. Per Delos Digital ha già pubblicato Sette giorni e sette notti, Senza legami, ToccamiL’amante francese e Adorabile bastardo , nella collana Senza sfumature, e Incantevole angelo nella collana Passioni romantiche.

Di Laura Gay Sognando tra le Righe ha recensito anche 
Adorabile bastardo ( recensione QUI

RUBRICA SEGNA(LA)LIBRO TRICOLORE #39

Prima di augurarvi un sereno weekend e delle interessanti quanto intense letture, vorrei segnalarvi i romanzi scelti questa settimana, alcuni sono di autori già ampiamente conosciuti dai lettori, altri sono di autori alla loro prima prova. Vediamo cosa propone il self publishing e le case editrici digitali. 


RUBRICA SEGNA(LA)LIBRO TRICOLORE







Titolo: I sette vizi capitali. L'Ira
Autore: Vanessa G. Streep
Editore: SELF
Genere: Erotico
Pagine: 151
Prezzo: 0.99
Trama: Primo volume della serie I sette vizi capitali, che racconta la storia, ambientata tra Mosca e Marsiglia, di Nikolai Volkov, noto come Lèon, un giovane criminale russo tormentato dai sensi di colpa e da una libertà che non potrà mai avere, con un passato da nascondere e un presente pieno di segreti. Ha la sua storia scritta sul corpo: i suoi tatuaggi sono la trama dei suoi crimini e delle sue condanne.
É ossessionato dalla giovane Sophie Luchini Lacroix , figlia di uno dei capi della mafia corso-marsigliese. Sophie ha bisogno di Léon, di immergersi nei suoi abissi più oscuri, e lui la deve proteggere, ma allo stesso tempo vorrebbe allontanarla da se stesso, sapendo che il loro legame potrebbe farle del male. Le loro vite si intrecciano con quelle di molti altri personaggi, tra cui quelle di Adam e Ariane, la cui sessualità si accentua di sfumature trasgressive, trasformandosi in una danza di giochi erotici condotta al limite.
La serie I sette vizi capitali ha contenuti molto forti, in riferimento alle scene erotiche, di mafia e del carcere: è consigliata unicamente ad un pubblico adulto.


Titolo:
Autore: Demetrio Verbato
Editore: Lettere Animate
Genere: Narrativa
Pagine: 122
Prezzo: 0.99
Trama:  L’attimo eterno è un’intensa storia d’amore e d’amicizia. 
I protagonisti sono tre ragazzi: Giuseppe, Jessica e Sidney. Ognuno di loro, a modo suo, è speciale, fuori dal comune, ma proprio questa diversità li porterà a essere emarginati dai propri coetanei. Troveranno però nella loro amicizia un legame unico e indissolubile. 
Il romanzo è strutturato su due livelli temporali e geografici: nei capitoli dispari la storia narra le vicende dei tre protagonisti partendo dalla loro infanzia nel 1992, e seguendoli fino ai vent’anni;l’ambientazione è Mosorrofa un piccolo paese di Reggio Calabria abbarbicato sulla collina. 
Nei capitoli pari invece siamo nel 2013 e ritroviamo i protagonisti già trentenni, intenti ad affrontare le complicanze dell’amore. L’ambientazione è New York. Per chi ama le storie a lieto fine consiglio fermarsi al capitolo finale, per tutti gli altri consiglio di proseguire la lettura fino all’epilogo.



Titolo: Vincolo di sangue
Autore: Francesca Pace
Editore: SELF
Genere: Paranormal romance
Pagine: 313
Prezzo: 2.99
Trama:  Il terzo capitolo della saga "THE HYBRID'S LEGACY SAGA" è il romanzo di cambiamento, di crescita.
 Nulla è come sembra. Il dolore, la morte, la magia...ogni cosa che ruota intorno alla vita di Emma e dei suoi compagni sta per essere sovvertita da un potere arcano e misterioso che entrerà nelle loro vite in modo violento.
Le alleanze cambieranno e la schiera di Danielle si arricchirà di uno spietato e quanto mai inaspettato alleato pronto a tutto per prendere la vita di Emma...
Anche quando il cuore di Emma vacillerà, incapace di sopportare questa nuova, dolorosa ed impensabile verità, lei dovrà trovare la forza di compiere il proprio destino...dovrà mettere a tacere il suo cuore fin troppo umano e le proprie emozioni...dovrà confrontarsi con la parte peggiore di sè per cercare di salvare il suo mondo.
Che ruolo avrà la Congrega dei Guardiani in questa nuova battaglia?
L'intimo sentimento che lega i due immortali saprà salvarli? Potrà l'amore assoluto che Emma prova per Gabriel rendergli salva la vita...ancora una volta?
Amore, tormento, paura...questi i sentimenti che accompagnano le giornate della bella ibrida che porterà a compimento il suo cambiamento, divenendo una donna forte e coraggiosa in grado di ripristinare gli equilibri del proprio mondo anche a dispetto di un potere maledetto che tenterà di condurla attraverso le tenebre fino al luogo suo piú oscuro.



Titolo: I figli di Apollo. L'esercito degli dei
Autore: Thalia Mars
Editore: Narcissus
Genere: Urban fantasy
Pagine: 616
Prezzo: 0.99
Trama: La razza dei Lykos è stata presa di mira da Ade, che ha deciso di sterminarla per vendicarsi di Apollo, antenato di tutti i licantropi. 
Decklan è il Karà, il capo dei Beta. 
Vive ad Estia, riserva circondata da mura di piombo e al sicuro dai demoni di Ade. Il suo compito è trovare branchi di Lykos in pericolo ed aiutarli a raggiugere la sicurezza della riserva. La sua vita è perfetta: ha potere, ricchezza, tutte le donne che vuole. 
Le cose, però, sono destinate a cambiare. 
Sameera è una lupa albina. E' una Beta, una guerriera, e non vuole ritirarsi alla vita serena con le altre femmine. Decklan non saprà resistere alla sfida di domarla e finirà con l'innamorarsene. Ma qualcuno è pronto a spezzare quella felicità e Decklan sarà costretto a chiedere aiuto all'ultima persona che vorrebbe mai vedere: Damian, il Principe dei guerrieri. 
Il secondo libro della saga: L'esercito dell'Olimpo


Titolo: L'ira di Apollo
Autore:  Anna Grieco
Editore: SELF
Genere: Ucronico
Pagine: 15
Prezzo: 0.99
Trama:  Racconto ucronico breve. E se Achille avesse scelto l’amore anziché la gloria? Chi avrebbe vinto la guerra di Troia? Di chi avrebbe narrato le gesta Omero? Venite a scoprirlo in questo racconto che ha per protagonisti il valoroso Achille e la combattiva Briseide.





Titolo: Dilemma d'amore
Autore: Sofia Guarnieri
Editore: SELF
Genere: Narrativa
Pagine: 116
Prezzo: 0.99
Trama:  Claudia è una trentenne solare e determinata.Contesa tra due uomini, dovrà decifrare i rumori silenziosi del suo cuore per poter fare la scelta giusta prima che sia troppo tardi per amare...







Titolo:  Vorrei amarti tra le stelle
Autore: Cristian Rossi
Editore:  SELF
Genere:  Romance
Pagine: 62
Prezzo:  0.99
Trama: Campagna scozzese, Edward stanco dei soprusi del padre, scappa da casa. Raggiunge Hellbridge dove, sin dal primo giorno, uno sguardo cattura la sua attenzione e gli rapisce il cuore. Da quel momento, i suoi giorni saranno condizionati da quegli occhi "È bastato solo il suo sguardo ad incendiare il mio cuore, a devastarmi con vampate di ardore e passione.." finché scopre a chi appartengono: la dolce Charlotte, damigella di una viziata contessina e al servizio di una famiglia nobile dai molteplici e segreti intrighi amorosi. Complice un libro di stelle, tra i due inizierà una relazione ricca di passione e sentimento che qualcuno, però, metterà a dura prova. Chi si aggiudicherà il cuore di Charlotte? 



Titolo: I disegni imprevedibili del destino
Autore: Laura Bellini
Editore: SELF
Genere: Urban fantasy
Pagine: 186
Prezzo:  1,05
Trama:  Una lotta da combattere, una guerra dall'esito già scritto e due cuori che si separano. Mille anni dopo, il ciclo si ripete attraverso le pagine di un diario nascosto in un museo. Alice e Chris si troveranno a dover fronteggiare ancora una volta il male, ma che esito potrà avere la loro battaglia? 
“...non ho idea del tempo che rimane per tramandarti la mia storia ma devo provare e resistere fino in fondo. Avrai bisogno di questa piccola guida, un giorno ti servirà per maturare la consapevolezza di ciò che diverrai. Verrà il tempo in cui dovrai smettere di chiederti chi sei e da dove vieni, accettando la tua natura...” 
Frammenti d’immagini tra passato e presente, dove amicizia e amore viaggiano tra i confini del reale e surreale.



 Titolo: Lukas
Autore: Fiorella Rigoni
Editore: SELF
Genere: Urban fantasy
Pagine:  29
Prezzo:  1.05
Trama:  Il prolungato silenzio e lo spazio vuoto contribuirono solo ad alimentare la sua collera. Nella sua prigione Lukas non faceva altro che ricordare.Dapprima la sua mente fu invasa dai volti di quelli che gli erano sempre stati accanto. I due fratelli, con cui era cresciuto, i fidi compagni di tanti giorni, da cui si era dovuto separare solo poche settimane prima, dopo l’ennesima discussione su ciò che stava accadendo. Nemmeno loro avevano creduto a ciò che aveva riferito, anche se nei loro occhi aveva letto il dubbio, ma neppure quello era bastato a portarli dalla sua parte. Poi era arrivata Amber, la sua amata compagna. Una delle prime ad aver subito l’influenza dell’usurpatore, quella che ora gli sedeva al fianco al pari di una regina, sorridente e splendida, ma che ormai lo ignorava completamente. 
Sarebbe bastata la forza di Lukas per far emergere la verità? 
Sarebbe stato in grado di affrontare quell'essere che si era eretto a Dio e che aveva così abilmente soggiogato le creature celesti?



Titolo: E' la mia natura
Autore: Ornella Calcagnile
Editore: SELF
Genere: Urban fantasy
Pagine: 43
Prezzo: 0.99
Trama:  “È la mia natura”, è un racconto che ripropone un cliché horror rielaborato in chiave urban fantasy, aggiungendo quel tocco particolare che fa la differenza dal genere dell’orrore.
Hollie e il suo fidanzato Emmett decidono di passare gli ultimi giorni d’estate in una baita tra i boschi nei pressi del lago Jocassee con alcuni amici. Nella compagnia, però, aleggia una strana atmosfera: qualcuno nasconde un segreto. Hollie, dotata di uno spiccato sesto senso, percepisce sin da subito qualcosa di sospetto nell'aria ma scoprirà troppo tardi la vera indole di uno dei suoi compagni di viaggio.
La natura sarà complice di questo racconto e punto d’incontro tra il sanguinario predatore e la sua vittima finale.



Titolo: Ci vediamo su Fb
Autore: Lavinia Brilli
Editore: SELF
Genere: Narrativa contemporanea
Pagine: 162
Prezzo: 0.99
Trama:  Lisa ha superato da un po’ i quaranta e si sente in piena mezza età. Tra supermercato e parrocchia, tra un marito misantropo e un lavoro deprimente, la sua vita è spumeggiante come una coca sgasata. Eppure guardandosi intorno vede gli altri quarantenni in pieno fervore, a caccia di divertimento come adolescenti in ritardo di qualche decennio. 
Mentre lei occupa il suo tempo preparando la merenda agli amici dei figli, le sue uniche due amiche passano da un pub a una discoteca, pubblicando immancabilmente i selfie su Facebook per dimostrare ad amici e conoscenti quanto si divertano. E Lisa è proprio tra quelli che si collegano a Facebook per guardare la vita degli altri dal buco della serratura, senza mai pubblicare niente (chi vorrebbe guardare le foto di una consulta scolastica o di una serata davanti alla tv?) 
L’annuncio della visita di sua cugina Diana, regina delle serate milanesi e desiderosa di conoscere la vita notturna della provincia, getta Lisa nella disperazione e la costringe a cercare un modo per allargare il suo giro di amicizie. 
Dopo aver tentato di tutto, Lisa ha un’illuminazione e architetta un piano per rendere la sua vita più interessante proprio con l’aiuto di Facebook, ma imbranata com’è le sarà difficile evitare figuracce e camminare in equilibrio sul filo delle bugie. 
E adesso anche il rischio di perdere il marito è dietro l’angolo…