lunedì 24 novembre 2014

SE M'INNAMORO Bella Andre Recensione

Quanto mi piace sbirciare nelle vicende della numerosa e quanto mai unità famiglia Sullivan! Ogni romanzo ha spazio per tutti i fratelli, anche se poi il protagonista è sempre uno, ma l'atmosfera che si respira è sempre piacevole e molto accogliente. Certo, c'è anche il lato romance e sensuale che Bella Andre cura nei minimi dettagli, dando al lettore un'immagine precisa dei suoi personaggi. Alla convivialità familiare riesce a intrecciare magistralmente il lato psicologicamente vulnerabile dei personaggi, rendendo molto equilibrata la lettura. Per tutte quelle che ancora non hanno letto la Andre, consiglio di iniziare assolutamente questa serie, leggendo in ordine i primi tre!


DAL 20 NOVEMBRE IN EBOOK
DAL 27 NOVEMBRE IN CARTACEO

C'è un solo fuoco che non riuscirà mai a spegnere: 
quello che ha incendiato il suo cuore


SE M'INNAMORO
Bella Andre

Traduzione di: Roberta Zuppet
Editore: TRE60
Genere: Romance contemporaneo
Pagine:  320
Prezzo: 9.90
Ebook: 4.99


Trama

Gabe Sullivan rischia la sua vita ogni giorno per salvare quella di altre persone. È vigile del fuoco: il suo lavoro per lui è una missione, che svolge da sempre con passione, coraggio e dedizione. Ma se Gabe è disposto a mettere a repentaglio la propria vita, ciò che non intende più mettere in pericolo dopo una forte delusione d'amore - è il suo cuore, soprattutto per la donna che, di recente, ha salvato da un incendio, una donna cui non riesce a smettere di pensare, un solo istante. Megan Harris deve tutto all'eroico vigile del fuoco che ha salvato lei e la figlia dalle fiamme dell'incendio scoppiato nel suo appartamento. A quell'uomo deve tutto, tranne il suo cuore. Dopo la perdita del giovane marito, Megan ha giurato a se stessa che non avrebbe mai più sofferto per amore. A nessun costo Ma il destino sembra volere tutt'altro. Rincontrarsi per loro, infatti, sarà fatale. Agli occhi di Gabe, Megan non è mai apparsa così bella e seducente: come farà a resisterle, a non cedere al suo fascino? E Megan, come potrà ignorare la dolcezza di Gabe nei confronti della figlia, ma soprattutto come potrà dimenticare la carezza dei suoi baci sulla pelle? Nulla è più fragile di ciò a cui si tenta disperatamente di resistere.


Opinione di foschia75

Mea culpa, non sono stata divorata completamente dalla fiamma del vigile del fuoco Gabe Sullivan, nonostante la sua avvenenza, i suoi solidi principi e il suo impavido coraggio. Non ha scosso le mie fondamenta romance, come hanno fatto i fratelli Chase e Marcus. Credo che questo mio limite sia da imputare a quell'antipatico difetto che mi coglie quando leggo (e adoro!) serie a conduzione familiare in stile Nora Roberts. Inevitabilmente mi affeziono di più a un fratello piuttosto che ad un altro... chiamatela empatia. Già nei primi due romanzi della serie, si ha modo di conoscere anche se alla leggera, tutti e nove i fratelli Sullivan,  e così anche Gabe, protagonista di questo terzo romanzo. Se a pelle nelle comparse da lui fatte nei primi due, non mi aveva sciolto, anche qui non è riuscito a cuocermi a fuoco lento come ha fatto per esempio Chase. Superato il mio parere personale, posso assolutamente consigliare ancora una volta di cominciare questa serie, perchè ha tutte le carte in regola per piazzarsi tra le serie romance-familiari-contemporanee più godibili del momento. La Andre ha un modo magistrale, di descrivere psico-fisicamente i suoi personaggi, viene naturale immaginarli fisicamente, e comprendere il loro modo di agire e pensare. Gabe è un vigile del fuoco che ama il suo lavoro, rischia la propria vita con la consapevolezza che sia ciò che ha sempre voluto dalla vita. Ha solo deciso di darsi delle regole un po' troppo rigide per quanto riguarda la sua vita privata, e presto dovrà tornare sui suoi passi e rivederle integralmente, perché il destino spesso ti spinge a fare ciò che ti sei imposto di non fare, e se poi ci si aggiunge una forte passione e un sentimento inatteso... allora è necessario rivedere qualche principio. Gabe Sullivan ha giurato che non si sarebbe innamorato di una vittima salvata dalle fiamme, perchè il prezzo da pagare è troppo alto e non finisce mai bene. E lui ne sa qualcosa. Non ha fatto i conti con Megan Harris, e con sua figlia Summer, le ultime persone scampate a un pauroso incendio, nel quale ha rischiato di morire anche lui. Avete presente due persone che si sono messe in testa di non innamorarsi e di stare il più lontano possibile dal pericoloso Amore? Cosa potrebbe mai succedere di peggio che non sbatterci sopra nel modo più traumatico possibile? E' quello che succederà sia a Gabe che a Megan. E dal giorno dell'incendio, comincerà una lunga battaglia contro l'attrazione crescente e un sentimento che li terrorizza, perchè inevitabilmente li riporta al passato doloroso dal quale stanno scappando entrambi. Ma tutto li porta a gravitare l'uno nel'orbita attrattiva dell'altro... se poi ci mette lo zampino una bimba di sette anni e la sorella di lui, il gioco è destinato a bruciarli senza riserve. 
Chiaramente ciò che rende queste serie degne di essere lette, sono i trascorsi psicologici dei personaggi, resi diffidenti e spauriti davanti a sentimenti capaci di renderli nuovamente vulnerabili. Megan è una donna giovane, rimasta vedova da poco e con una figlia  a carico; non ha nessuna intenzione di innamorarsi di un uomo che non ha sprezzo del pericolo e dei rischi. Gabe è rimasto scottato da una relazione finita male, che sarebbe potuta finire anche peggio. Questo fa si che il destino dia ad entrambi una bella lezione, e che dimostri loro che dichiarare "Per Amore non voglio più soffrire" sia il modo migliore per caderci ancora. ma chissà che questa volta non sia quella buona...
Inutile dire quanto la serie Sullivan soddisfi la mia sete di riunioni familiari dove, tra una battuta sarcastica, un abbraccio, un caffè e una grigliata, tutti i problemi e i cattivi pensieri dei personaggi vengono spazzati via  grazie all'affetto e alla solidarietà che solo una famiglia può dare.
Consigliato a chi ama le serie lunghe, e ha la pazienza di aspettare il fratello successivo.


L'autrice


Con la serie "Sullivan" è diventata autrice bestseller del New York Times, USA Today e Publishers Weekly.  Dopo aver venduto più di 3 milioni di libri, i suoi romanzi  sono stati primi in classifica in tutto il mondo. Dopo aver firmato un contratto a  7 cifre con Harlequin MIRA,  la serie Sullivan  è stata pubblicata in edizione economica negli Stati Uniti, Canada, Regno Unito e Australia. Famosa per le "sensuali, storie che avvolgono in un romanzo inebriante" (Publishers Weekly ), i suoi libri sono stati premiati due volte con  il premio "Red Hot Reads"  del Cosmopolitan Magazine, sono stati tradotti in dieci lingue, e sono già bestseller in Brasile. Vincitore del Premio di Eccellenza, il Washington Post l'ha dichiarata  "Una delle scrittrici digitali top in America" ​​ed è stata ospite di servizi speciali su NPR, USA Today, Forbes, The Wall Street Journal, e più recentemente nel TIME Magazine. Ha tenuto discorsi programmatici alle conferenze editoriali da Copenaghen a Berlino a San Francisco. Quando non sta davanti al suo computer, la si può trovare con i libri dei suoi autori preferiti,  o trascorrendo il tempo tra il trekking, il nuoto o le risate. Sposata con due figli, Bella divide il suo tempo tra il paese del vino della California del Nord e la sua vecchissima capanna di legno negli Adirondacks.


SERIE SULLIVAN

1.Come nessun'altra (Chase)

2. Da adesso in poi  (Marcus)

3. Se m'innamoro (Gabe)

4. I Only Have Eyes for You  (Sophie)
5.  If You Were Mine   (Zac)
6. Let Me Be the One   (Ryan)
7. Come A Little Bit Closer  (Smith)
8. Always On My Mind   (Lori )
8.5   One Perfect Night  (Noah)
9. The Way You Look Tonight  (Rafe)
10.  Kissing Under The Mistletoe  (Mary )
11.  It Must Be Your Love  (Mia)
 12. Just To Be With You  (Ian)
13. I Love How You Love Me (Dylan)
14. (Ancora senza titolo) 
15. (Ancora senza titolo)

domenica 23 novembre 2014

BETRAYAL Robin C. Recensione

“Tessiamo noi il nostro destino, buono o cattivo, e il lavoro fatto non si può più disfare: nulla di ciò che facciamo viene mai cancellato” (William James)Nella loro semplicità, queste brevi righe racchiudono il senso di ciò che viene affrontato in Betrayal, rendendoci consapevoli del fatto che il percorso seguito dai personaggi non sarà altro che una strada a senso unico, un viaggio di sola andata e di non ritorno, dove ognuno di loro perderà tutto, si annienterà, si ridurrà a brandelli per poi accorgersi che non c'è redenzione, che non c'è spazio per il perdono degli altri, ne tanto meno di se stessi. Non esiste azione che non abbia un prezzo, non esiste emozione che non porti con se la tempesta. E anche questa volta Robin C è riuscita a mettere in gioco sentimenti così potenti, da strappare lo stomaco dal corpo in un solo ed unico colpo.Vi avverto, sarà un romanzo duro, faticoso e difficile da digerire, vi farà sentire sull'orlo del baratro sin dalle prime pagine. Ma in fondo è questo che adoro dell'autrice, il suo riuscire a creare un collegamento diretto tra le pagine e il lettore, facendolo soffrire, arrabbiare, urlare, senza far scemare nemmeno per un attimo il suo interesse.E quindi, per rispondere alla domanda che vi state mentalmente ponendo: si, ne vale la pena....


BETRAYAL 
Robin C.



 Genere: Romanzo erotico
Pagine: 162
Ebook: 1.00€
Romanzo autopubblicato




Trama


Andrew è un giovane medico affermato. Possiede tutto ciò che un uomo potrebbe desiderare. Successo, avvenenza e lamore sicuro di una donna. Quando la sua strada incrocia quella di Evalyn, il suo universo viene improvvisamente capovolto. La sua anima divisa in due. Cede dunque alla tentazione del tradimento, spinto da un desiderio primitivo e dal risentimento per una giovinezza che crede di essersi negato. Entra in una spirale fatta di passione e rimorso, di sesso e sensi di colpa, che tenta di fermare senza successo. Testimone inconsapevole di questa corsa autodistruttiva è la moglie di lui, Alexandra, che lentamente, ma inesorabilmente, vede la propria vita cadere a pezzi, senza comprenderne la ragione. Quando verrà colpita dalla verità nella più crudele e dolorosa delle maniere, sarà in grado di perdonare? O da vittima innocente si trasformerà in impietoso carnefice?

Opinione di Sybil

Cari amici, questo è un romanzo davvero complicato da affrontare, non tanto per il messaggio che irrimediabilmente ci manda, quanto per il modo in cui questo messaggio ci viene spedito. Poco più di un mese fa ho letto l'ultimo libro di Robin C, Mathias (recensione QUI), una storia che mi ha investita con la sua indecifrabile potenza, lasciandomi veramente stupita per le enormi quantità di emozioni che è riuscito ad infilarmi sotto la pelle. Ancora oggi mi capita di tornare con il pensiero a quella storia ed è per questo che mi sono buttata nella lettura del suo primo libro autopubblicato, Betrayal. Voglio fare una premessa: il mio giudizio è molto di parte in quanto sono davvero rimasta affascinata dallo stile di scrittura dell'autrice, dal suo farti sentire in continuo contatto con la sofferenza e con le frustrazioni dei protagonisti. Ha  l'incredibile dono di trasmettere emozioni con la stessa intensità con la quale la corrente si propaga nell'acqua: se non fai attenzione, rischi davvero di rimanere fulminata. Betrayal è così. Ti ferisce, ti fa arrabbiare, ma non ti permette di trasformare ciò che senti in negatività. È per questo che non è facile da affrontare, in quanto ti scaraventa nel baratro e poi viene a riprenderti un attimo prima di vederti schiacciata al suolo. Ma quando ti riporta su, non è per farti vedere una storia diversa, nella quale gli eventi hanno preso un nuovo e salvifico corso. No, ti ripropone la stessa sofferenza, lo stesso dolore, la stessa meschina indolenza e stavolta pure amplificata.
Come sempre Robin C ci parla di relazioni, di vite arrivate ad un bivio: da una parte la strada giusta e sicura da seguire, dall'altra quella buia ed infernale.
Nel caso di Betrayal, siamo di fronte ad una situazione che, purtroppo, facilmente si presenta nella coppia. Due persone si amano per tanti anni, poi ad un tratto finiscono per diventare due sconosciuti coinquilini della stessa vita, a tal punto da veder subentrare l'insofferenza, accompagnata da un lento e assordante silenzio. Andrew viene colpito proprio da questa apatia, dalla costante consapevolezza che gli anni migliori della sua vita se ne sono andati velocemente. È ancora giovane, bello, è un medico affermato, serio ed è sposato con il suo primo ed unico amore. Un'esistenza "da catalogo", fatta di tante vittorie e poche rinunce, un terreno molto facile per un'ingiustificata insoddisfazione. Ed ecco che alla sua porta traballante bussa una via di fuga. Quella peggiore, quella più sbagliata quella che il suo cervello gli grida di non seguire, ma nella quale si butta senza ritegno, diventando un uomo diverso, colpevole, bugiardo, sporco. Andrew inciampa e cade volontariamente in un adulterio sfrenato e irrazionale. Non c'è sentimento in quello che fa, niente è intriso di passione. I suoi gesti, le sue azioni, sono tutte dettate dall'istinto, dalla lussuria, dalla sua voglia eccessiva e primitiva di possesso, senza guardarsi mai indietro, senza soffermarsi a riflettere troppo alle conseguenze che, come un mortale meccanismo, già si sono innescate. La sua coscienza soffocata riesce, a tratti, a tornare in superficie, ma Andrew  prontamente la blocca, imprigionandola, gettando via la chiave. Perché, finché si cavalca l'onda niente ci distrugge, le implicazioni delle nostre azioni non ci spaventano, gli sbagli non ci indeboliscono. Poi arriva il giorno in cui tutto cambia, dove il rapporto fra causa-effetto si fa sentire con tutta la sua prepotenza e noi, da carnefici diventiamo vittime consapevoli del nostro destino.

Raccontato dal punto di vista dell'uomo che tradisce, dell'amante e della moglie tradita, Betrayal porterà il lettore a toccare il fondo insieme ai protagonisti, risucchiato dal vortice di tremenda frustrazione che accompagna tutta la narrazione. Ci saranno sentimenti forti, prepotenti, dolorosi e svilenti, ma proprio per questo veri e autentici. Nonostante il tema trattato sia colmo di negatività e molto accessibile a qualsiasi tipo di giudizio, la discutibilità delle azioni dei protagonisti, mette in primo piano la loro più nascosta personalità. Tutti i personaggi di Robin C. sono degli esseri deboli travestiti da uomini potenti. Nel caso di Andrew, la sua forza è solo apparenza, in realtà è un uomo remissivo, un vigliacco incapace di resistere alla più terribile delle tentazioni, consapevole di scegliere la strada più ovvia per la sua distruzione. Ma nonostante ciò non riesce a tirarsi indietro, mettendo in piedi un tradimento marcio proprio perché non intriso da nessuna traccia di sentimentalismo, spinto solo dal bisogno carnale di appagamento e di possesso. È consapevole dello sporco con il quale si sta imbrattando, ma non trova la forza per dire basta, per rinunciare a quell'amante sfrenata e nemmeno per chiudere il suo matrimonio ormai distrutto. In fondo, se preghi per la pioggia, il fango è il minimo che ti devi aspettare e Andrew questo lo sa, ma non riesce a fermarsi, travolto da una dissolutezza distruttiva.

"Mentre le parole di Evalyn ancora aleggiavano nellaria piene di inequivocabili promesse, la mente di Andrew si soffermò per un solo e ultimo attimo a pensare che forse avrebbe potuto ancora tirarsi indietro. Che quello era il momento di decidere se oltrepassare linvisibile linea che separava la verità dalla menzogna, lonestà dal tradimento, un passato pulito da un futuro peccaminoso."


Ciò che adoro dell'autrice è il suo modo di dipingere i personaggi, di farli diventare maschere nel bel mezzo di un atto teatrale, travestiti da ciò che gli altri vogliono vedere in loro, ma una volta spogliati dei tanti strati dai quali sono ricoperti, diventano quello che realmente sono: individui fragili, nudi, primordiali. E grazie alla loro autenticità, sarà impossibile non rimanere sconvolti dalla potenza delle emozioni di cui ci parlano. Ancora una volta Robin C è riuscita ad ammutolirmi, a lasciarmi piena di sentimenti contrastanti e dolorosi, mi ha fatto soffrire attraverso gli occhi di una moglie, che assiste al tradimento crudele e disumano dell'uomo che aveva giurato di amarla per sempre. Vedo il suo incanto svanire, la sua luce affievolirsi per poi divenire cenere, la sua vita fatta in mille pezzi. Sento le sue grida, in un mondo fatto di silenzio. Osservo i suo occhi diventare stanchi, delusi e poi colmi d'odio. L'autrice non ci risparmia nessun sentimento amaro, nessuna emozione stanziante. Siamo muti spettatori di una guerra combattuta ad armi impari, dove non esiste rinascita, riscatto, vittoria.

"Era al sesto giorno del suo progetto. Il giorno in cui il mondo, così come lo conosceva, sarebbe finito. Il giorno che stava aspettando, nemmeno più tanto inconsciamente, da quando si era ricordata di quella donna. Quello in cui il terreno gelato che laveva tenuta a malapena in piedi durante le ore di tortura passate a spiare il marito, si sarebbe aperto sotto di lei, inghiottendola. Quello in cui avrebbe preferito essere morta piuttosto che sopravvivere allo squarcio che la verità avrebbe aperto nel suo petto. Il giorno in cui avrebbe visto il marito adorato trasformarsi in una creatura vile, indifferente e crudele, e in cui il suo amore per lui si sarebbe tramutato in odio."


Come vi avevo anticipato, non sarà facile affrontare questo romanzo, ma posso assicurarvi che, per ogni singola pagina, ne vale davvero la pena.



L'autrice

ROBIN C.  ha iniziato a scrivere romanzi erotici nel 2011, pubblicando le sue storie in diversi blog. Nella vita l'autrice è una psicologa e il suo nome è Cristina. Ha quattro grandi passioni: la lettura, la musica, la scrittura e una piccolissima ossessione che ha deciso di tenere tutta per se.
Attualmente ha pubblicato come "self" due romanzi: Betrayal è il primo, edito nel marzo di quest'anno, il secondo è Mathias.
Ha una pagina Facebook nella quale condivide con le lettrici pensieri e nuovi estratti delle sue storie.
La trovate a questo link:
https://www.facebook.com/pages/I-racconti-di-Robin-C/1387330068192174


CONTEST alMENO CINQUE con Virginia Bramati Contest di Natale

Aspettavamo conferma, ora possiamo ufficialmente annunciare l'inizio del Contest di Natale qui su Sognando tra le Righe! E quale romanzo poteva essere il premio di questa iniziativa, se non Meno cinque alla felicità della nostra cara Virginia Bramati? Il romanzo con il Natale dentro, con quell'atmosfera che solo la famiglia e l'amore possono rendere indimenticabile. Abbiamo voluto fortemente che Virginia prendesse parte attiva a questo contest e lei ha accettato volentieri. Perciò siamo felici di lanciare il:


CONTEST DI NATALE

alMENO CINQUE
per vincere una copia
del nuovo romanzo di Virginia Bramati




In palio una copia cartacea di 

Meno cinque alla felicità
il nuovo romanzo di Virginia Bramati
edito da Mondadori nella collana Libellule.

Cosa dovete fare per partecipare?

Molto semplice!
Dal 23 Novembre al 23 Dicembre 
dovrete inviare il vostro racconto alla mail del blog:



Seguendo poche semplici regole
(tranquilli non dovete piacizzare niente, non dovete iscrivervi fissi o mobili da nessuna parte!)

1. Il racconto dovrà essere inviato entro e non oltre il 23 Dicembre alle ore 23, alla mail sopraindicata.
2. Dovrà essere inviato in formato pdf e avere una lunghezza minima di 5 pagine e massima di 10.
3. Il racconto dovrà essere ambientato nel periodo Natalizio 
4. Nel racconto dovranno essere presenti anche tre oche, di qualsiasi fattezza. Potranno essere vere, di vetro, di gesso, di lana, stampate su un maglione, come appendini dell'albero, ecc. (Qualsiasi idea originale darà valore al racconto)
5. Inutile dirlo... il racconto dovrà essere ROMANCE (sono ben accetti anche gli M/M, o gli F/F)!!!

I racconti pervenuti, non solo saranno letti dallo staff del blog, ma anche da Virginia Bramati, che non vede l'ora di tuffarsi nelle vostre storie dall'atmosfera assolutamente natalizia!!!

Tutto chiaro? Le regole sono poche e semplici...
avete un mese di tempo per inviare la vostra storia.
Il vincitore sarà decretato prima della fine dell'anno.


Ringraziamo la Mondadori per la copia in palio,
la nostra fatina dei libri Anna
e chiaramente la nostra carissima Virginia!!!


ONYX di jennifer L. Armentrout recensione

Se pensate ancora che gli alieni siano mostruose creature dalla pelle verde, gli occhi a conchiglia e gli arti deformi, ci pensa Jennifer L. Armentrout a farvi cambiare idea riuscendo a farvi innamorare dell'alieno più bello, sexy e irriverente di tutta la galassia: il meraviglioso, simpatico e affascinante Daemon Black! A dire il vero ci aveva già conquistate alla sua prima apparizione in Obsidian ma in questo secondo volume della Serie Lux ci farà letteralmente sciogliere con la sua dolcezza, le sue battutine sfrontate e la sua gelosia... Preparatevi a una lettura elettrizzante piena di sorprese e colpi di scena. Preparatevi all'arrivo di un terzo incomodo mooolto particolare. Preparatevi a lasciarvi contagiare dalla febbre aliena. Insomma... preparatevi alla Daemon invasion!!!


ONYX
di Jennifer L. Armentrout

editore: Giunti
genere: Urban Fantasy (alieni)
pagine: 367
prezzo: 12.00 euro
Rilegato
( 2° volume Serie "Lux" )

L'attrazione che sentivo per lui era quasi dolorosa
e ogni singola cellula del mio corpo bruciava
quando ero con lui, ma cedere sarebbe stato come dire
che poteva trattarmi come voleva.
E dovevo sperare davvero che i sentimenti che provavamo
fossero reali.
E se avessimo scoperto il contrario?
Sarebbe stata la fine per me, perchè a quel punto
sarei stata totalmente persa per lui...
più di quanto già non fossi.

Trama

Avere un legame con Daemon Black è proprio un bel guaio... Daemon è determinato a dimostrare che ciò che prova per me è qualcosa di più della nostra bizzarra connessione aliena. Lo so, dovrei proprio rinunciare a lui, però negli ultimi giorni è così... passionale! Ma abbiamo problemi più gravi. Molto più gravi. In città si aggira qualcosa di minaccioso: il Dipartimento della Difesa è qui. Se dovesse scoprire i poteri di Daemon e la nostra relazione, non avrei scampo. E nemmeno lui. In più a scuola c'è un ragazzo nuovo che nasconde un segreto. Lui sa cosa mi è successo e può aiutarmi, ma dovrei mentire a Daemon e stare lontano da lui. Come se fosse possibile. Contro ogni buon senso, mi sto innamorando di Daemon. Perdutamente. Poi, all'improvviso, cambia tutto. Ho visto qualcuno che non dovrebbe essere vivo. E devo dirlo a Daemon, anche se so che non smetterà mai di cercare la verità. Che cosa è successo a suo fratello? Chi lo ha tradito? E che cosa vuole il Dipartimento della Difesa da loro e, soprattutto, da me? Nessuno è ciò che sembra. E non tutti sopravviveranno alle bugie.

Opinione di Sangueblu

"Smettila di distrarmi Kitty.
Entro la fine dell'anno, confesserai di essere follemente,
totalmente, irrimediabilmente, irrevocabilmente
innamorata di me.
E che mi sogni anche.
Scommetto che confesserai anche questo.
Forse mi mostrerai anche il quaderno
in cui hai scritto il mio nome circondato dai cuoricini..."
"Oh, ma per favore..."
Daemon mi fece l'occhiolino.
"Ti sfido."

Voi che ne dite? Riuscirà l'alieno più sexy, affascinante, dolce e irriverente che esista a vincere la scommessa?!? Ovviamente sì. Ma, nonostante le apparenze, gli costerà non poca fatica...
E' ovvio infatti che Katy sia stracotta di lui ma dopo tutto quello che le ha fatto passare nell'ultimo periodo non riesce proprio a credere all'autenticità dei suoi sentimenti. Inoltre, da quando Daemon le ha salvato la vita trasferendole parte dei suoi poteri, fra loro si è creato un potente legame e teme che sia in virtù di questo che l'alieno adesso provi qualcosa nei suoi confronti. L'attrazione tra loro tuttavia è insopprimibile e innegabile, anche se tutto è così complicato.... Sarebbe molto più semplice frequentare un ragazzo come Blake Saunders, nuovo arrivato nella scuola, che con la sua "normalità" e le sue attenzioni potrebbe sostituire l'alieno nella vita e nel cuore della nostra blogger peperina.
La comparsa di Blake nella routine dei due protagonisti contribuisce a dare una bella scossa al rapporto - qualunque esso sia - tra Katy e Daemon ma anche e soprattutto alla storia stessa perché, ad un certo punto, si rivelerà molto diverso da quello che voleva far credere e non poi così tanto "normale".
Ma non voglio rovinarvi la sorpresa... Soprattutto perchè, di sorprese, questo libro è pieno! Una lettura davvero frizzante ed entusiasmante.

Abbiamo già imparato a conoscere e ad amare la scrittura incalzante, ironica e brillante della Armentrout. I suoi libri sono come bibite dolci, ghiacciate e frizzanti: vanno giù con grande facilità e fanno sentire il lettore "dissetato" e felice (anche quando le cose vanno storte o si fanno "scottanti"!).
Questo volume sarà ancora più bello dei precedenti perchè il bell'alieno dagli occhi di smeraldo supererà letteralmente sé stesso (così come l'autrice, ormai ben nota per le sue scene di bacio da pelle d'oca, che in Onyx ci saranno a profusione!!!). Sarà che Daemon dovrà dare il meglio di sè per convincere Kitty, come la chiama lui, dell'autenticità dei suoi sentimenti; sarà per la gelosia furibonda che lo accompagna da quando è comparso Blake (che lui perfidamente si diverte a sfottere chiamandolo ogni volta con un nome diverso) ma sarà protagonista di innumerevoli scene dolcissime (la rosa rossa a scuola o l'addobbo dell'albero di Natale, ad esempio) e frasi ad effetto che non faranno sciogliere soltanto Katy, ma anche noi lettrici!
Lei scoprirà quindi, pian piano, che i sentimenti di Daemon sono veri e profondi e non riuscirà più a mentire a sé stessa e a tutto ciò che sente per lui... e finalmente la loro "storia" decollerà per la nostra gioia ma anche per quella di Dee (che, nel frattempo, ha cominciato a "frequentare" Adam).

"Vuoi venirmi a dire che volteresti le spalle a tutti i tuoi simili
rischiando la vita per me?"
"Devi smetterla di supporre cosa voglio o non voglio"
"Mi cerchi solo per via del nostro legame e perchè per te è una sfida"
"Ma è ridicolo!" Sbottò.
"Come fai ad esserne tanto cert?"
"Perchè so quello che sento."
Mi apparve davanti all'improvviso, battendosi una mano sul petto,
all'altezza del cuore. "Lo so!
E non sono il tipo che scappa davanti ai problemi,
non importa quanto siano grandi.
Preferirei morire che vivere col rimpianto di non averci provato."

Nonostante i tira e molla di Katy (che forse sono stati un po' esasperanti e davvero troppo numerosi, visto e considerato quanto Daemon sia autenticamente dolce e assolutamente strafigo (insomma, io alla fine non mi sarei fatta problemi più di tanto...) la storia d'amore tra i due è assolutamente favolosa come la chimica che c'è tra loro, fatta di "pugni e carezze"; di battibecchi e tenere dichiarazioni; di gelosie e tenerezze.

Storia d'amore a parte, che in un certo senso appare il fulcro dell'intera Saga, c'è da dire che anche la storia in generale acquista sempre più spessore e abbrivio. La trama infatti si complica notevolmente... Si aggiungono nuovi personaggi - molti dei quali nascondono segreti e doppi intenti - e molti intrighi e complotti scientifici e politici arrivano a movimentare la storia e a renderla molto interessante.
Inoltre questa nuova condizione di Katy, l'acquisizione dei suoi nuovi poteri, la rende parte attiva del "gruppo" e una pedina fondamenteale - nonostante le paure di Daemon per la sua incolumità - nella lotta contro gli Aurum, ma soprattutto contro la nuova minaccia che si profila all'orizzonte....
Da che parte sta, infatti, il Dipartimento della Difesa?
Chi è che sta raccogliendo tutte queste informazioni su Katy e sulla famiglia Black?
E soprattutto, a quale scopo?
Colpi di scena, perdite, tradimenti renderanno questa lettura assai adrenalinica. Ma la cera ciliegina sulla torta sarà la comparsa - o a ben vedere la ri- comparsa - di un personaggio molto importanete e che spalanca grandi possibilità e interessanti sviluppi per il proseguimento della Serie.

Bella anche quest'idea di intitolare ciascun volume con il nome di una pietra per poi ritrovarla, con le sue specifiche caratteristiche e poteri, all'interno di ciascun romanzo. In questo caso scopriremo che l'Onice è una pietra molto pericolosa per i Luxen, al pari dell'Ossidiana per gli Aurum. L'Osidiana è caustica e assai dolorosa per i Luxen e per gli ibridi come Katy, da quando ha assorbito gran parte dei poteri alieni.

Insomma, grandi cose ci aspettano in questo romanzo in cui verranno messi tutti alla prova.

La Serie "Lux"

0,5 - Shadows
1 - Obsidian  recensione QUI
2 - Onyx
3 - Opal
4 - Origin  ancora inedito in Italia
5 - Opposition  ancora inedito in Italia

L'Autrice


Autrice bestseller di USA Today, vive in un paesino del West Virginia, proprio dove è ambientata la serie “Lux”, inaugurata dal grande successo di Obsidian. È una scrittrice molto versatile e scrive anche apprezzati romanzi per adulti.

Link alla pagina Facebook di Jennifer L. Armentrout:https://www.facebook.com/JenniferLArmentrout

Sito internet dell'autrice Jennifer L. Armentrout:http://www.jenniferarmentrout.com/

Per maggiori informazioni visita il sito di Giunti Y a questo link:


venerdì 21 novembre 2014

Righe al Cinema: HUNGER GAMES IL CANTO DELLA RIVOLTA Parte 1

Volete sapere come riuscire a sciupare una così bella Saga letteraria che finora era stata resa in maniera eccellente anche su pellicola? Sottostare alle "regole" del guadagno facile sempre più in voga negli ultimi anni e rendere inutilmente lento e prolisso un film che sarebbe stato "fotonico" se solo non fosse stato diviso in due parti. Questa è stata infatti, secondo me, una mossa totalmente inutile e penalizzante sia dal punto di vista cinematografico, perchè fa perdere inevitabilmente la brillantezza e l'azione che avevano caratterizzato le riuscitissime precedenti pellicole, sia dal punto di vista "letterario" perchè in questo modo fa apparire noioso e "nebuloso" un libro al contrario assai serrato e avvincente. Non si capisce questa mossa della Lionsgate se non, appunto, la certezza di raddoppiare gli incassi al botteghino senza ulteriori costi aggiuntivi per la produzione. Ma, a mio modesto avviso, non so quanto possa rivelarsi vincente questa scelta a livello artistico quando, perfino una fan sfegatata come me della mitica Ghiandaia Imitatrice e di tutto ciò che gli Hunger Games rappresentano, si alza dalla poltrona delusa e un po' arrabbiata...
Come si fa infatti ad aspettare un altro anno, un altro intero anno, prima di vedere la fine di una storia lasciata in sospeso in questo modo sadico e orrendo? Come è possibile vivere momenti che rasentano la pura "noia" in una storia che nella realtà è al cardiopalma? Eppure tutto è stato riportato fedelmente al romanzo. Non c'è una cosa che si contrapponga o si aggiunga fittiziamente alla trama originale. Il vero problema è che poco più di centocinquanta pagine sono state allungate all'esasperazione; infarcite di pause riflessive e silenzi che inevitabilmente appesantiscono il fluire della narrazione ed esasperano scene e situazioni di per sè già esasperate ed esasperanti. Non ce n'era assolutamente bisogno perchè è palese la sensazione della minestra allungata. E questa non era una storia che andava diluita.
La crudeltà, l'insensatezza della guerra, la paura e l'orrore già parlavano da sole così come l'intensità interpretativa dei magistrali attori a cui non si può proprio rimproverare nulla. E il grandissimo Lawrence - il regista - sarebbe stato altrettanto bravo a realizzarlo senza questo tipo di sceneggiatura, ottenendo un film di maggior qualità e con lo stesso livello di phatos e adrenalina a cui ci aveva abituato ne La ragazza di Fuoco. Invece, ridondante e infarcito di tempi drammaticamente morti, Il Canto della Rivolta - Parte 1 sembra quasi sempre ad un passo dal decollare definitivamente senza poi mai farlo davvero perchè tutto sarà riservato alla Parte 2 che, ribadisco, no ci sarà prima di un anno intero.
Rabbia.... Sarebbe bastato un solo film. Di tre ore, magari. Ma un film soltanto.


HUNGER GAMES
Il Canto della Rivolta
Parte 1


Dopo essermi sfogata e aver parlato solo delle cose negative provo a fare un summit dei momenti belli e delle cose pregevoli che comunque - per fortuna - ci sono e non sono neanche poche.
Ovviamente è doveroso sottolineare che non sono certo un' "esperta" di cinema, perciò le mie considerazioni saranno soltanto di ordine soggettivo e si rifaranno soprattutto al mio particolare gusto e alla mia personale sensibilità. 


Questo canto, il canto dell'albero dell'impiccato, credo sia per me il momento topico del film e quello che dà davvero un senso all'intera storia di questa prima parte. Questo é il Canto della Rivolta.
La versione che ho trovato per adesso su You Tube non si avvicina neanche lontanamente alla bellezza e alla suggestione delle note cantate da Jennifer Lawrence. Vi assicuro che, oltre a commuovere, fanno scattare qualcosa dentro e racchiudono una moltitudine di significati, pensieri, riflessioni, azioni e reazioni... Tutto si concentra e ruota attorno alla sua voce, alle sue parole e a quello che lei rappresenta.
E, in questo momento più che mai, ci si rende conto di tutta la potenza del suo ruolo che , volente o nolente, le appartiene fin dai primi giochi e che la caratterizza. Lei è la Ghiandaia imitatrice.
L'ispirazione, il modello, lo sprone per la popolazione.
Il volto della rivoluzione. 
Suo malgrado si è trovata ad esserlo. Non l'avrebbe mai immaginato; non l'avrebbe mai voluto. Ma se è vero che ad ogni azione corrisponde una reazione, la sua reazione è stata la lotta. Perchè la gente è stanca. Ci sono troppe ingiustizie. Troppa gratuita e ingiustificata sofferenza contro cui ribellarsi.
Lotterà perchè Peeta non è più accanto a lei...
E' nelle mani di Capitol City, del Presidente Snow: un ostaggio tra le sue grinfie da usare contro di lei perchè è il mezzo più importante per colpirla e farle del male.
E poco importa se per distruggere la Ghiandai Imitatrice verranno rasi al suolo distretti, villaggi, ospedali. Nulla importa se a morire saranno malati, vecchi, donne, bambini, innocenti.
Perchè chiunque dimostrerà affinità o contatti con la ragazza dalla lunga treccia dovrà morire.

Ma la Rivoluzione non può morire.
Ormai la scintilla è scoppiata e l'incendio divampato.
E se i distretti dovranno bruciare Capitol City brucerà con loro.

C'è molta meno azione, come ho accennato sopra, rispetto ai precedenti film e questo non soltanto per l'attenzione rivolta agli aspetti emotivi e psicologici ma anche perché il grosso della preparazione della "strategia" di guerra viene fatto "al buio", nelle viscere della terra. Il Distretto 13 infatti è una tecnologicamente avanzata fortezza militare interamente costruita nel sottosuolo. Non ci sono quasi affatto colpi di scena, altra cosa che contribuisce ulteriormente a rallentare e appesantire la visione. Ma c'è di bello che le scenografie e le ambientazioni - in tutta la loro devastazione, povertà e desolazione - sono spettacolari e altamente impattanti. Per non parlare delle scene nella natura...
E qui ritorniamo nuovamente alla canzone dell'albero dell'impiccato che si svolge proprio ai bordi di un fiume in mezzo ad una vegetazione rigogliosa ed incontaminata.

Due scene sono state da pelle d'oca per me, sopra a tante altre: Quando il popolo canta in coro la canzone di Katniss perchè si coglie tutta la potenza della sua ispirazione e quanto sia massiccio e compatto il gruppo dei ribelli, disposti a tutto, per portare avanti il loro legittimo ideale.
E poi la scena claustrofobica del bombardamento dell'ospedale, dopo il quale Katniss abbatte ogni qualsiasi residuo di remora e di barriera e parla al popolo col cuore in mano e finalmente minaccia apertamente il Presidente Snow.

Una figura molto bella (in tutti i sensi, visto che è un figo da paura..!!) è quella di Finnik.
Adoro Elizabeth Banks nei panni di Effie Trinket e ritrovarla senza trucco nè parrucche, in questa nuova versione di sostegno e amicizia, intenerisce molto e riesce a strappare quei due o tre sorrisi che aiutano a stemperare un po' l'atmosfera. Abbastanza pallida la figura di Haymitch che in questa parte compare assai poco, ma che fa sempre piacere vedere. Gale - che non mi è mai stato gran che simpatico - fa abbastanza tenerezza per la devozione e lo spirito di sacrificio nei confronti di Katniss e della causa, tanto da andare a rischiare in prima persona nella missione di salvataggio di Peeta e degli altri vincitori: Johanna e Annie.
Donald Sutherland è semplicemente... odioso. Davvero bravo l'attore a suscitare nei suoi confronti un odio autentico e viscerale nello spettatore anche più di quanto sia riuscita a fare la Collins che, credetemi, per riuscirci si era davvero impegnata parecchio...

Jennifer Lawrence è semplicemente divina. Lei è Katniss Everdeen. La sua interpretazione è magistrale e anche gli altri grandi attori del calibro di Julianne Moore, Stanley Tucci, e il compianto Philip Seymour Hoffman impreziosiscono la pellicola e la rendono comunque degna e di alta qualità (sceneggiatura a parte). Un plauso particolare anche al bravissimo Josh Hutcherson che mi ha emozionata e commossa in ogni sua apparizione.

E' una nuova "guerra mediatica" quella a cui assisteremo in questa prima parte degli Hunger Games, dove verranno nuovamente strumentalizzati la paura, il dolore e la sofferenza ma per fini totalmente diversi: la manipolazione.
Peccato che, ovviamente, tutto finisce sul più bello, si fa per dire perchè Peeta è stato liberato ma non è più in sè e fa davvero paura.... (una mossa un po' troppo alla Twilight Breaking Down per i miei gusti e un' aspetto in più che rende questa pellicola in un certo senso molto più teen delle precedenti).
Non ci resta che aspettare 365 giorni prima di sapere come andranno a finire le cose... A meno che non leggiate il libro (qualora non lo aveste già fatto) che, in questo caso, è davvero molto meglio!!!





LA FIGLIA DEL NORD Edith Pattou Anteprima

E' già qualche tempo che tengo d'occhio questa uscita, e passeggiando nel web, ho scoperto che l'autrice si è ispirata alla fiaba norvegese A est del sole e a occidente della luna di  Asbjørnsen e Moe (noti anche come I Grimm di Norvegia). Ora il vasto mondo delle fiabe è qualcosa di davvero affascinante, così cercando, cercando, ho appreso che molte fiabe della tradizione popolare, sono tutte probabilmente riconducibili alla fiaba di Eros e Psiche. Leggendo la trama di questo romanzo, è inevitabile non pensare alla fiaba de La Bella e la Bestia, e a tutte quelle fiabe che si basano sul tema "alla ricerca dello sposo perduto" (qui potrete trovare un elenco di fiabe europee basate su questo tema), dove la trama gira prepotentemente intorno al misterioso fenomeno del marito, animale di giorno, e uomo di notte. Inutile dire che questo romanzo sarà assolutamente ospite della mia libreria... quella dedicata alla nuova generazione. La cover poi, è bellissima!!!

RIZZOLI BEST

DAL 26 NOVEMBRE IN LIBRERIA
E SUGLI STORE ONLINE

LA FIGLIA DEL NORD
Edith Pattou

Collana: Rizzoli Best
Genere: Narrativa per 
Pagine: 346
Prezzo: 16.90
Ebook: 9.99
ISBN: 9788817077118


Trama

Ebba Rose, sostiene sua madre Eugenia, è nata rivolta a Est. Ma invece di essere mansueta e diligente come i bambini nati verso oriente, si rivela fin da subito irrequieta e curiosa: una vera figlia del Nord.
All’età di cinque anni, un orso bianco le salva la vita, ripescandola da un lago. É lo stesso strano orso parlante che, dieci anni dopo, si presenta alla porta della fattoria in cui Rose vive insieme ai genitori con una proposta: se lei accetterà di seguirlo, la sua famiglia ritroverà la prosperità perduta e la sorellina Sara guarirà dalla terribile malattia che la affligge.
Così Rose parte per un lungo viaggio che la porta lontano, oltre il mare, fino a un castello scavato in una montagna. Là trascorre lente giornate in compagnia dell’orso bianco, e si abitua alla sua presenza gentile e alla sua voce. Ma qualcuno ogni notte si sdraia nel letto accanto a lei e si dilegua prima dell’alba. Vinta dalla curiosità, Rose accende una luce,
un gesto che avrà conseguenze inaudite.
L’avventura è solo all’inizio, tra incantesimi, viaggi e sotterfugi.


L'autrice



Edith Pattou è l'autrice di Fantasma , un romanzo contemporaneo young adult , scritto in versi liberi . Ha anche scritto tre premiati romanzi fantasy sempre young adult:  East (La figlia del Nord -Rizzoli), una rivisitazione della fiaba popolare norvegese " A est del sole e a occidente della luna ", e i primi due romanzi della serie Le canzoni di Eirren , Canto degli Eroi e Fire Arrow .  E' anche l'autrice del libro illustrato La signora Spitzer Garden, entrato nella classifica del New York Times
Edith è nata a Evanston , Illinois . Cresciuta a Winnetka , è cresciuta nella città di Chicago, dove ha frequentato la Francis W. Parker School. Ha completato i suoi studi in lettere al Scripps College di Claremont , California, dove ha vinto il Crombie Allen Award per la scrittura creativa . In seguito ha completato un Master in letteratura inglese alla Claremont Graduate School , seguita da un Master di biblioteconomia e scienze dell'informazione presso la UCLA .
Ha lavorato per un'associazione medica , una boutique di abbigliamento , uno studio di registrazione , la Fondazione Playboy , una stazione televisiva pubblica , una biblioteca scolastica , due bibliotechepubbliche , due agenzie di pubblicità , e due librerie .
Ha vissuto a Chicago , Los Angeles , Denver , Durham , NC , Cambridge, Inghilterra , Stoccolma, Svezia , e attualmente risiede con il marito Charles , a Columbus , Ohio .


A QUESTO LINK POTETE LEGGERE L'INTERA FIABA
"A est del sole e a occidente della luna"

RUBRICA SEGNA(LA)LIBRO TRICOLORE #25

Wow, è già venerdì! Volata anche questa settimana. Allora vediamo cosa ci propone il vasto panorama self tricolore! In questa puntata spaziamo tra generi diversi. Dal romance all'erotico, dal Thriller all'Urban fantasy. Una carrellata di romanzi di recente pubblicazione.


RUBRICA SEGNA(LA)LIBRO TRICOLORE



Titolo: Destini
Autore: Anna Maria Palmieri
Genere: Urban fantasy
Editore: Edizioni R.E.I
Pagine: 396
Prezzo: 4.99
Trama:  Ivy è una ragazza un po’ speciale, a volte fa dei sogni strani che al suo risveglio le lasciano tracce evidenti sul corpo. Nonostante ciò, conduce una vita normalissima, divisa fra le sue due inseparabili amiche - Annie e Charlotte – lo studio, la pittura e la musica. 
Fino a quando a scuola non arriva un nuovo studente, Ian. 
Da quel momento l’esistenza della ragazza è destinata a cambiare, un’aura di mistero circonda il nuovo arrivato. Frequentarlo significherà per Ivy accedere a una nuova dimensione, fatta di strane coincidenze, eventi inspiegabili e presenze inquietanti. 
In questo incalzante succedersi dei fatti, l’amore che nel frattempo nasce tra i due ragazzi, impetuoso come un mare in tempesta, non sembra destinato a essere appagato. 
Qualcosa o qualcuno gli si oppone con feroce determinazione. 
E se non si trattasse di creature umane? 







Titolo: 2517
Autore: Anna Maria Palmieri
Genere: Distopico
Editore: Edizioni R.E.I.
Pagine: 291
Prezzo: 4.99
Trama: Elisa è cresciuta sentendosi ripetere che è l’esperimento perfetto, da proteggere a qualsiasi costo.
E’ la più piccola dei dieci ragazzi, tutti dotati di speciali capacità, creati in seguito a un ambizioso progetto di ingegneria genetica, gli JX1000.
Nello svolgere il proprio dovere per garantire la giustizia intergalattica su Geo 2, pianeta sul quale vive, si ritroverà a faticare per farsi accettare dai suoi compagni e a soffrire le pene di cuore per uno di essi, Alexander, il comandante in capo, che pur garantendole il suo supporto e la sua protezione, si rifiuta di legarsi a lei sentimentalmente.
Ma le vicende sentimentali di Elisa e degli altri JX1000, in effetti, sono solo un elemento quasi marginale nel caleidoscopio di viaggi nel tempo e di incontri dei nostri super ragazzi con alcuni dei personaggi che hanno fatto la storia, e i numerosi scontri con il temibile Trako, orribile ed efferato ibrido, animato dall’insano desiderio di sterminare l’umanità, rea di averlo abbandonato al suo sventurato destino di creatura mutante.
Gli JX1000 dovranno combattere contro Trako e i suoi Vidron, ma anche per trovare la loro vera strada.
Riuscirà Elisa a contrastare il più spietato nemico della sua epoca e a far breccia nell’apparentemente impenetrabile corazza di Alex?



 Titolo: I custodi della Lacrima. Rivelazione
Autore: Simone Lari
Genere: Urban fantasy
Editore: SELF
Pagine: 234
Prezzo: 2.99
Trama: Un patto che non deve essere spezzato. 
Una pietra che non deve essere ritrovata. 
Un equilibro da preservare. 
L’eliminazione di un vampiro Anziano e il ritorno a Persepolis di un vecchio cacciatore, nel giorno in cui una forza sconosciuta si rivelerà. 
Nina, Jude e Angelique si troveranno catapultate in un mondo che non pensavano potesse essere reale, un mondo popolato da vampiri e cacciatori, in lotta nell’ombra dei Custodi della Lacrima. 
I Custodi della Lacrima 
Volume 1 - Rivelazione (Disponibile anche in Francese e Tedesco)
Volume 2 - Conflitto
Volume 3 - Destino (Estate 2015, volume conclusivo della serie)




Titolo: I custodi della Lacrima. Conflitto
Autore: Simone Lari
Genere: Urban fantasy
Editore: SELF
Pagine: 202
Prezzo: 2.99
Trama:  Un patto è stato rotto. L’equilibrio vacilla. Una pietra verrà presto recuperata. L’iniziazione di Nina con il passaggio del Simbolo, nella notte in cui una nuova fazione e un antico demone si paleseranno e le vecchie profezie verranno rivelate. Il Conflitto tra le fazioni divamperà e ognuno dovrà scegliere come schierarsi. La vera natura e le reali intenzioni dei Custodi della Lacrima verranno palesate e messe alla prova.



Titolo: Land Grabbing
Autore: Luca Bortone
Genere: Thriller
Editore: Kymaera edizioni
Pagine: 248
Prezzo: 3.99
Trama:  L'integerrimo ispettore di polizia Diego Anastasi indaga sul brutale omicidio di un tecnico informatico. Grazie all'aiuto dell'agente speciale Giulia Ferri, una donna dal passato difficile e poco incline al rispetto delle regole, troverà collegamenti con il presunto suicidio di una studentessa fino a scovare un terribile progetto di land grabbing. L'ispettore non può immaginare che questo caso gli stravolgerà la vita, mettendo in crisi tutto ciò in cui crede e portandolo più volte a rischiare la vita.
Un thriller crudo, che esplora il labile confine dell'integrità morale, spesso piegato dal dolore e dalla sete di vendetta, scavando nelle profondità dei sentimenti umani fino ai dubbi e alle domande più difficili da approfondire.



Titolo: Ogni tuo desiderio è un ordine, Bastardo
Autore: Victory Storm
Genere: Romance
Editore: Elister Edizioni
Pagine: 301
Prezzo: 4.99
Trama: Secondo Candice, sua sorella Olivia è ambiziosa e testarda, spinta dal desiderio di diventare un’Event Manager di successo. Tuttavia sa essere anche dolce, ma per arrivare a quella dolcezza, bisogna prima trivellare a fondo quella corazza di irascibilità e spavalderia che la rende un po’ pericolosa da maneggiare. In quanto sua sorella, Candice le vuole bene, anche se la preferisce a distanza di sicurezza quando frequenta un ragazzo perché Olivia sa essere più efficace di una cintura di castità, quando vuole.
In sua difesa, Olivia può solo dire che il fine giustifica i mezzi e che bisogna lottare per ciò che si vuole e per non lasciarsi mettere i piedi in testa da qualche bastardo arrogante che osa comandarla.
Secondo Devon Pierson, Olivia è una stronza che ha osato umiliarlo al loro primo incontro e per questo deve pagare. La vuole piegare al suo volere, senza farsi trascinare dall’attrazione che prova per lei.
Cosa succederà quindi quando Olivia prenderà il posto di cameriera della sorella a casa Pierson per un mese intero? Chi la dura, la vince… e Olivia e Devon intendono vincere anche se questo significa giocare sporco, perché in guerra e in amore non ci sono regole!
Che la guerra (o l’amore) abbia inizio!




Titolo: Darkness and Hope
Autore: Angela Volpe
Genere:  Fantasy contemporaneo
Editore: Edizioni creativa
Pagine:  243
Prezzo: 12.00
Trama: Darkness and Hope è un romanzo fantasy ambientato in epoca contemporanea negli Stati Uniti nord occidentali. La storia è narrata in prima persona dalla protagonista, Aura, una ragazza italiana che vive una tragica esperienza nell'adolescenza: una sera, rincasando con l'amica d'infanzia, viene aggredita da una creatura oscura dalle sembianze umane. Aura sopravvive grazie all'intervento di uno sconosciuto, mentre l'amica rimane brutalmente uccisa. Segnata dal lutto, si trasferisce in California con la persona che le ha salvato la vita, un professore che diventa il suo mentore e le tramanda tutto il suo sapere, rivelandole tutto quello che sa sull'esistenza di esseri diabolici che si nascondono tra gli umani e insegnandole a combatterli. Dieci anni più tardi il professore muore e la ragazza si ritrova completamente sola. Travolta da un groviglio di sentimenti di rabbia e amarezza, parte per un viaggio senza meta spostandosi dalla costa californiana verso l'interno del continente. Il destino la bloccherà in una tavola calda di un paese poco abitato, dove incontrerà temibili nemici e inaspettati amici e i nuovi legami che allaccerà ribalteranno le sue certezze e scongeleranno il suo cuore.





Titolo: Il dono della felicità
Autore: Sara Purpura
Genere: Romance
Editore: SELF
Pagine: 176
Prezzo: 1.19
Trama: Lucy ha davanti a sé un futuro radioso come socio del prestigioso studio legale fondato dal padre. Derek vive nell’oscurità e nella rabbia, da quando quest'ultimo l’ha privato degli affetti più cari. Ferire Lucy gli appare la giusta vendetta nei confronti dell’uomo che gli ha distrutto la vita. Con il proposito di esorcizzare il passato e trovare pace, il suo intento sarà avvicinarla e portare a termine il suo piano. A volte, però, tutto può accadere. Può succedere che un risentimento e un'idea di vendetta, si annullino di fronte al prodigio dell'amore e, che l'arroganza di un uomo s’inchini al volere della coscienza. Può succedere, infine, che due anime s’incontrino ignorando di essere predestinate da una vita e cedano al richiamo della passione. Nessun piano può essere seguito alla lettera se a sconvolgerlo è il cuore. Una storia che vi farà credere ancora nella magia dell'amore e nel miracolo più grande che esso possa compiere. 



Titolo: Charming Devil
Autore: I.M. Another
Genere: Erotico
Editore: SELF
Pagine: 407
Prezzo: 1.84 (cartaceo 11.47)
Trama:  «Emily, io sono solo un host. Non posso risolvere nessuno dei tuoi problemi. Però posso lenire la tua solitudine, farti sentire meno dolore, almeno per un’ora. Ti basta chiederlo.» Emily aveva bisogno di soldi, e in fretta. Per questo, in un attimo di disperazione, ha deciso di vendersi a uno sconosciuto per qualche ora. La ferita nel suo orgoglio inizia a bruciare, e la coscienza non accenna a darle pace. Alla ricerca di un rifugio, varca la soglia del Charming Devil, un locale fuori dal comune, gestito da un eccentrico e sadico proprietario. A prima vista, si direbbe solo un bar un po’ troppo lussuoso, ma in realtà, il Charming Devil è un Host Club: un luogo in cui degli uomini bellissimi vendono la propria compagnia a prezzi esorbitanti. Castiel è un host, e lo fa ogni giorno, con orgoglio e presunzione. Per lui, è semplicemente normale offrirsi a chiunque possa permettersi di comprarlo. Emily, insicura e sola, diventa presto il suo passatempo preferito, e finisce trascinata in una relazione fatta di sesso, ossessione e dipendenza. Di fronte a una realtà tanto distorta, nuovi dubbi si insinuano nella sua mente. È davvero così sbagliato vendersi in cambio di denaro? Forse è una storia d’amore, forse è solo una storia di attrazione fisica. Non si assomigliano, ma nessuno dei due può fare a meno dell’altro. Lui è la notte, lei è la sua luna. Soltanto sua.

HUNGER GAMES IL CANTO DELLA RIVOLTA recensione

Siamo arrivati allo straziante epilogo di una delle più eccellenti Saghe distopiche in circolazione: Il canto della rivolta. Già il titolo (italiano) ci suggerisce cosa ci aspetterà in questa lettura, ovvero il concretizzarsi di una rivolta che era fermentata e sviluppatasi dapprima in sordina e poi sempre più prepotente fra la popolazione dei dodici distretti, ma non ci prepara alle intense e devastanti emozioni di cui saremo in balia! Se i precedenti due romanzi sono stati spettacolari e scioccanti, questo lascia basiti e in preda ad una sensazione di vuoto e dolore, in cui il lettore si trova a dover dare un nuovo volto e un senso alla speranza e domandarsi se, quando tutto intorno è complotto arrivismo incubo e devastazione, possa ancora bastare per vivere una vita degna di essere vissuta. La riposta forse può essere diversa per ognuno di noi, ma la mia è senza dubbio molto simile a quella di Katniss: l'amore; il bene. Perchè se si può fare affidamento su questo, anche pur solo per brevi momenti, si possono superare anche gli orrori. 




HUNGER GAMES
IL CANTO DELLA RIVOLTA
di Suzanne Collins


editore: Mondadori
genere: Distopico YA
pagine: 
prezzo:
Rilegato
eBook:
( 3° libro Serie "Hunger Games" )

Trama



Opinione di Nippi

Arrivati al terzo e conclusivo libro della splendida trilogia degli "Hunger Games", posso sbilanciarmi nel dire che, insieme al primo, è il mio preferito.
Superato il timore iniziale di un decadimento della storia, dopo una manciata di pagine sono rientrata nell'arena insieme a tutti i protagonisti, piena di entusiasmo e di adrenalina, pronta a combattere l'ultima e più importante battaglia con la nostra eroina Katniss.
Ma, come dovevo immaginare, la Collins mi ha spiazzato di nuovo con i suoi capovolgimenti e sorprese ad effetto, lasciandomi impreparata e stupita al tempo stesso.
E queste sorprese si sono protratte per tutte le sue pagine, dall'inizio alla fine, lasciandomi vincitrice e perdente.
Troppe perdite strazianti, troppi perfidi inganni, troppe lacrime.. Una storia del genere te la porti dietro inevitabilmente per tanto tempo, e ogni volta che ne risentirò parlare, si risveglieranno tutte le emozioni.
Emozioni che sono difficili da spiegare, si deve leggere tra le righe per poter capire fino in fondo.
Katniss dovrà affrontare una rivolta e portarne il peso del suo inizio. Per questo sarà amata e venerata, perché gli abitanti dei distretti vedranno in lei la speranza della libertà.. Al tempo stesso sarà altrettanto odiata e temuta, perché lei è il fattore scatenante, quello più pericoloso e di conseguenza, il bersaglio da colpire in maniera non diretta ma distruggendola piano piano attraverso anche, e soprattutto, i suoi cari.
Elogio a questa scrittrice che ha saputo regalarci tre capolavori, e che proprio nell'ultimo, ha reso prezioso ogni istante, ogni battito di cuore. Emozionante, crudo, cattivo, spietato, ma altrettanto intriso d'amore e compassione, è sicuramente il più potente dei tre libri.
Bellissimo...

Opinione di Sangueblu

Quello di cui ho bisogno è il dente di leone che fiorisce a primavera.
Il giallo brillante che significa rinascita anziché distruzione.
La promessa di una vita che continua,
per quanto gravi siano le perdite che abbiamo subito.
Di una vita che possa essere ancora bella.

Davvero allucinante, se mi permettete il termine, questo conclusivo volume della "eccellente" trilogia. Non c'è respiro. Non c'è illusione. Non c'è spiraglio.
Si precipita in un vortice di dolore e di sofferenza sempre più profondo, dove sembra quasi impossibile trovare anche solo un piccolo spiraglio di luce, se non fosse per le ultime righe dell'epilogo, semplicemente perfetto, dove le lacrime che scendono hanno comunque un gusto dolceamaro. Molto diverso questo libro dai precedenti; non più incentrato sulla lotta tra i concorrenti ma sulla lotta dei cittadini. L'Arena, stavolta, si è trasferita direttamente nei distretti i cui abitanti, stimolati dalle imprese di Katniss e stanchi delle ingiustizie e dei soprusi di Capitol City, hanno deciso finalmente di ribellarsi.
La Rivoluzione ha il volto di Katniss Everdeen. La Ragazza di Fuoco che, come una scintilla, ha dato vita ad un'incendio in grado di distruggere Panem. Anche se lei non lo sapeva... e soprattutto non lo voleva... Non si sarebbe mai immaginata di essere la Ghiandaia Imitatrice.
Troppo dolore, troppa paura, troppa sofferenza che non la lasciano neanche più dormire tranquilla. Vorrebbe essere soltanto lasciata in "pace", per quel po' che è possibile per una ragazza di diciassette anni che ha passato l'inferno ed è continuamente assalita da incubi e che ha perso la persona più cara, di cui non sa assolutamente più nulla....
Una persona che sarà usata come pedina per sfruttare il suo dolore da una parte, e la sua "missione" dall'altra.
Una vera e propria "organizzazione" sovversiva formata dallo lo stratega Plutarch, Beetee, Finnik, Haimych, suo malgrado anche dalla non più infiocchettata Effie Trinkett, e soprattutto da Alma Coin la presidentessa del 13° distretto che nonostante quello che tutti credevano, è riuscito a sopravvivere in questi settantacinque anni crendo una ben organizzata società militare nascosta nelle viscere della terra, pronta ad aspettare il momento giusto per sferrare l'attacco a Capitol City e al regime del Presidente Snow.
Adesso quell'occasione è arrivata e proprio Katniss ne deve diventare il baluardo.
E' lei la pedina, mossa sapientemente da questo gruppo "politico" (oserei dire), per far leva sul popolo e trascinarlo più apertamente e ancor più diffusamente nella rivolta. Deve essere la Mockingjay; la Ghiandaia Imitatrice per spronare il popolo e continuare a infiammarlo, guidandolo alla conquista della libertà. E per far ciò dovrà essere, di nuovo, "in onda".
Ed ecco il più importante filo conduttore concettuale della trilogia che di nuovo si ripete, anche se nella nuova forma della propaganda, ossia quello delle telecamere. Il moderno e quanto mai attuale uso/abuso del reality, mettendo in piazza i  sentimenti alla mercè di tutti e la loro strumentalizzazione. Due cose la spingeranno ad accettare, nonostante il suo istantaneo e legittimo rifiuto: la promessa della liberazione di Peeta e degli altri ostaggi vincitori ( Johanna e Anna ) e la rabbia contro Snow e la sua sconfinata crudeltà che non esiterà ad ricorrere ai più spregevoli e crudeli mezzi pur di piegarla, spaventarla, ferirla e soffocare la Rivoluzione. Katniss non potrà restare indifferente all'urlo di dolore che la guerra porta con sè.

La lettura non sarà una passeggiata.
Dall'inzio alla fine si susseguono scene di alto impatto sia visivo che emotivo.
La libertà si sa, ha sempre un prezzo molto alto: il sangue di tanti innocenti e le lacrime dei sopravvissuti. E anche noi lettori ci ritroveremo a piangere la perdita di tanti - anche inaspettati - personaggi amati.

L'attenzione è rivolta sempre più all'aspetto etico e morale delle azioni e della natura umana. Tante domande a cui provare a dare una risposta: quale prezzo siamo disposti a pagare per essere liberi; se esiste una strada "giusta" per portare a termine i propri obbiettivi; cosa siamo disposti a sacrificare per raggiungere uno scopo. La rivolta si rivelerà infatti un'arma a doppio taglio: un'occasione di rinnovamento e rinascita ma anche una nuova lotta per il potere. Cosa che Katniss imparerà a spese sue e dei suoi cari.

In questo libro conclusivo si tireranno anche le somme del rapporto della protagonista con Gale e Peeta. Katniss capirà nuove cose, imparerà a guardarli da una giusta prospettiva scoprendo il primo totalmente immerso e impegnato nella lotta e l'altro distrutto in un milione di piccoli pezzi da rimettere insieme e troverà il modo di ascoltare il suo cuore.

Un libro stupendo come lo è l'intera trilogia.
Il Canto della Rivolta è la storia di una lotta epica e cruenta, ma anche la storia di due ragazzi che nonostante tutto scelgono di continuare a sperare e di cercare di costruire un mondo nuovo, fatto di valori semplici, a piccoli passi fatti per mano.

Vi strapperà il cuore.

Vi lasciamo anche i link
ai precedenti speciali dedicati alla saga
che ne analizzano i vari aspetti.
Se siete curiosi di approfondire
le vostre conoscenze sul
mondo distopico creato da
Suzanne Collins
potete cliccare sui post sottostanti





A domani con 
IL CANTO DELLA RIVOLTA  (1a Parte)  il film